Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Cina invade l'Africa. Storia, caratteristiche e conseguenze di un fenomeno epocale

La capillare presenza cinese nel continente africano è ormai un dato di fatto. Una politica di partnership innanzitutto economica, finita sotto i riflettori solo recentemente, con molte zone d’ombra e perplessità soprattutto da parte degli osservatori esterni, che temono per una nuova “trappola del debito”. Intanto però le economie africane crescono, anche grazie all’arrivo dei cinesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La capillare presenza cinese nel continente africano è ormai un dato di fatto. Una politica di partnership innanzitutto economica, finita sotto i riflettori solo recentemente, con molte zone d’ombra e perplessità soprattutto da parte degli osservatori esterni, che temono per una nuova “trappola del debito”. Intanto però le economie africane crescono, anche grazie all’arrivo dei cinesi. Pechino considera i Paesi africani, le loro ricchezze e gli spazi che le loro economie offrono come una priorità per gli interessi cinesi. La Cina è disposta ad investire, a prestare, a condonare e ad intervenire di persona in Africa come forse nessun altro Paese è pronto a fare in questo momento. Non c’è settore produttivo o Paese africano che sfugga all’attenzione cinese, fatta eccezione per quegli Stati che non riconoscono la Cina Popolare e che ancora intrattengono relazioni bilaterali solo con Taiwan. Quest’ultimi, tuttavia, sono solo cinque (Gambia, Sao TomØ e Principe, Swaziland, Burkina Faso e Malawi) su cinquantaquattro: una percentuale minima. Tutti gli altri, da nord a sud e da est ad ovest, sono per un motivo o per l’altro partner della Cina, la cui economia in continua crescita ha bisogno delle immense ricchezze naturali africane per nutrirsi, a iniziare dalle fonti energetiche, e di un immenso bacino commerciale su cui riversare i suoi manufatti. Petrolio da Angola, Sudan e Nigeria, cotone da Benin, Togo, Mali e Camerun, legname da Guinea Equatoriale, Gabon e Liberia, cobalto dalla Repubblica Democratica del Congo, platino, oro e diamanti da

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Orobello Salvatore Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1622 click dal 16/05/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.