Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Promotore finanziario o Consulente fee only? Una possibile risposta la offre Fineco Bank

Il mio lavoro di tesi si incentra sull'analisi del mondo delle consulenza finanziaria, tema che ho ritenuto essere di assoluta attualità in un' epoca quale quella che stiamo vivendo, data la smisurata offerta di prodotti e strumenti finanziari ed una miriade di informazioni nel mercato. In un simile panorama, le figure del promotore finanziario e del consulente fee only rappresentano, a mio avviso, un faro per l'investitore che è sempre più disorientato in una realtà complessa, come quella che viviamo al giorno d'oggi.
Nel corso della trattazione, ho analizzato anche il caso di Fineco Bank che ritengo estramemente interessante all'interno della finanza italiana perchè, pur essendo una banca a tutti gli effetti, riesce a realizzare servizi di consulenza fee only o indipendente.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREFAZIONE L’argomento che ho deciso di trattare, in questo lavoro di tesi, è lo sviluppo della figura del consulente finanziario indipendente in Italia ed in Europa sulla scia dell’esempio americano e come tale figura posa influenza l’area del Wealth Management, partendo però dall’analisi della più classica e consolidata figura del promotore finanziario classico. In Italia, lo stato dell’arte della figura del consulente fee only è solo agli inizi ed è stato grazie al recepimento delle direttive MiFID che, nel nostro paese come nel resto d’Europa, c’è stato il riconoscimento di tale professione. La grandissima novità apportata da tale disciplina è la separazione delle attività di vendita e collocamento dei prodotti finanziari da quella della consulenza finanziaria in senso stretto, intesa come la prestazione di raccomandazioni personalizzate ad un cliente dietro sua richiesta o per iniziativa dell’impresa di investimento, riguardo ad operazioni relative a strumenti finanziari. Questa distinzione è di notevole importanza perché permette di mettere in risalto l’indipendenza del consulente e, quindi, la neutralità della sua attività in totale assenza di conflitto di interesse nel consigliare prodotti, ma soprattutto nel creare e gestire un rapporto oltremodo personalizzato fra consulente ed investitore. Questo è stato l’aspetto che più mi ha affascinato nell’affrontare questo lavoro, che si è rivelato alquanto complesso da realizzare, data la difficoltà di reperire materiali e

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Antonini Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1316 click dal 16/05/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.