Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Credit Crunch. Analisi empirica: determinanti dell'offerta

Nella tesi sono stati stimati due modelli empirici del lato dell'offerta. Il primo modello verifica per il caso italiano se il credit crunch sia stato determinato dall'aumentare delle sofferenze registrate o ai maggiori impieghi effettuati dalle banche in attività poco rischiose come i titoli di stato. Il secondo modello verifica l'incidenza degli accantonamenti di capitale imposti dagli accordi di Basilea come possibile causa della mancanza di liquidità da destinare al mercato dei prestiti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Prendendo spunto dalla crisi economica mondiale degli ultimi anni, la presente tesi si propone di analizzare gli effetti che detta crisi ha avuto nel mondo bancario italiano. Come ormai noto la crisi economica nacque e si sviluppò negli Stati Uniti con la bolla dei mutui sub-prime, uno sconvolgimento sistemico nel mondo finanziario che ha innescato il fallimento di alcune tra le più importanti banche americane. Ben presto la crisi finanziaria si trasferì all'economia reale, interessando rapidamente il resto del mondo e in particolare l'economia del vecchio continente e principalmente i paesi denominati pigs ( Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda e Italia). I fallimenti bancari possono innescare una crisi di liquidità e le banche stesse possono decidere di limitare l'accesso al credito per evitare loro stesse il fallimento. La carenza di liquidità e di credito (Credit Crunch) ha effetti recessivi sull'economia, accresce il numero dei mancati pagamenti, dei fallimenti, dei pignoramenti da parte delle banche che corrono il rischio di rendere il proprio patrimonio eccessivamente illiquido. Il fenomeno del Credit Crunch è diventato oggetto di studio soltanto negli ultimi anni e sono ancora in fase di studio le dinamiche che lo causano e le misure più adatte per contenerne gli effetti sull'economia reale. Pertanto, nel presente lavoro si intende trattare alcuni aspetti particolari del fenomeno, per meglio comprenderne le dinamiche e alcune specificità del caso italiano. Data la notevole visibilità data dalla stampa al fenomeno si è voluto verificare empiricamente se in effetti tale contrazione abbia riguardato tutta l'Italia e in quale misura le diverse tipologie di clientela, stimando due modelli empirici 1 . I modelli scelti hanno, 1 Yixin Hou David Dickinson, 2007 “The Non-performing Loans: Some Bank-level Evidences”. Department of Economics, University of Birmingham Edgbaston 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Barbara Corbu Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1243 click dal 04/07/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.