Skip to content

Responsabilità Sociale d'Impresa e Progetto Q-RES nelle Cooperative: il caso Coop Consumatori Nordest

Informazioni tesi

  Autore: Luigino Narduzzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Nunzio Casalino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

La Responsabilità Sociale d’Impresa è un tema oggetto da tempo di ampie discussioni ed al centro di numerosi convegni, master, ricerche, progetti.
È in atto una forte evoluzione dei consumi: la nuova leva di acquisto per un numero sempre maggiore di persone è costituita appunto dalla RSI. Oggi al marketing mix tradizionale (prodotto, prezzo, promozione, distribuzione) si aggiunge un quinto elemento, l’etica. Il consumatore non si accontenta più soltanto della qualità e della convenienza, vuole anche che il prodotto che acquista rispetti l’ambiente, i diritti dei lavoratori e i principi elementari di giustizia e solidarietà.
Per l’impresa, RSI significa assumersi la responsabilità dell’impatto prodotto dalle proprie attività sull’ambiente circostante. La tematica dell’agire etico dell’impresa sta diventando un tema forte che investe direttamente il problema della competitività delle imprese. Come mostrano i casi di grandi aziende quali Nike, Reebok e Nestlè, l’impresa non può sopravvivere e svilupparsi senza una legittimazione sociale, che può essere ottenuta solo dimostrando pubblicamente di tenere conto, nella propria attività, dei valori condivisi nell'ambiente sociale in cui si trova ad operare.
Nella seconda metà degli anni ’90, all'indomani del Summit di Rio de Janeiro (1992) e della stesura dell’Agenda 21, le Nazioni Unite invitarono le grandi aziende, particolarmente le imprese multinazionali, a definire accordi commerciali che contemplassero e tutelassero i diritti umani di base, quelli dei lavoratori e il rispetto dell’ambiente. Il termine impiegato fu quello di Corporate Social Responsibility, CSR, che in italiano diventa Responsabilità Sociale d’Impresa, RSI.
L’Unione Europea ha iniziato ad elaborare una strategia di coinvolgimento delle imprese nel progetto RSI già a partire dal 1997: in tale anno viene infatti istituito un organo di consulenza dedicato. Nel luglio 2001 pubblica il Libro Verde “Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese”, destinato specificamente all'apertura di un dibattito generalizzato a livello europeo sulla RSI.
Il tema della CSR va inquadrato nell'ambito delle politiche per la competitività dell’impresa e del sistema economico, ricollegandosi con il concetto di “sviluppo sostenibile”. Sostenibilità è la “capacità di una organizzazione (o società) di continuare, in maniera duratura nel tempo, le proprie attività, tenendo in debita considerazione l’impatto che queste ultime hanno sul capitale naturale, sociale e umano” (ISEA – Institute of Social and Ethical AccountAbility). In altri termini, la CSR è il contributo che le imprese offrono allo sviluppo sostenibile.
I capi di Stato dell’Unione Europea, riuniti a Lisbona nel 2000, hanno fissato un obiettivo strategico da raggiungere entro il 2010: fare dell’Unione Europea “l’economia della conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, capace di una crescita economica sostenibile accompagnata da un miglioramento quantitativo e qualitativo dell’occupazione e da una maggiore coesione sociale”, e la diffusione della CSR ne costituisce uno strumento insostituibile.
Oltre alle imprese multinazionali, che per prime e in maniera più evidente hanno affrontato queste tematiche, oggi anche le PMI stanno sviluppando approcci e strumenti per la gestione degli aspetti sociali e ambientali nell'ambito delle proprie attività strategiche e competitive.
La tesi si articola in quattro capitoli.
Nel capitolo 1 vengono presentate in maniera sintetica le posizioni di alcuni studiosi per giungere ad identificarne i tratti comuni. Si compie inoltre una disamina dello status quo, utilizzando in particolare i dati di una recente ricerca pubblicati dal noto quotidiano economico-finanziario Il Sole-24Ore. Si traggono quindi alcune conclusioni, non esaustive, sull'argomento.
Nel capitolo 2 viene illustrato un modello operativo di gestione strategica della CSR basato sui concetti di “contratto sociale” con gli stakeholders e di “reputazione”: il progetto Q-RES. Si descrivono gli strumenti di cui è composto il modello e le interazioni tra essi per comprendere la sua efficacia come “modello integrato”.
Il capitolo 3 illustra il comportamento di un particolare tipo di imprese, le cooperative, e analizza, tra queste, quelle di grandi dimensioni appartenenti al settore industriale. Le imprese cooperative si sono trovate, molto prima delle imprese tradizionali, a dover conciliare la sopravvivenza nel mercato con la propria responsabilità “sociale”. Vengono presentate le caratteristiche di Coop, un sistema di cooperative della grande distribuzione organizzata, leader nel settore.
Nel capitolo 4 viene presentato il caso di una delle cooperative del sistema Coop, Coop Consumatori Nordest, che sta sperimentando al proprio interno il progetto Q-RES. Si analizza come la metodologia Q-RES stia conformando e caratterizzando l’intera gestione dell’impresa in materia di Responsabilità Sociale.
A seguire alcune considerazioni finali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione V Introduzione La Responsabilità Sociale d’Impresa è un tema oggetto da tempo di ampie discussioni ed al centro di numerosi convegni, master, ricerche, progetti. È in atto una forte evoluzione dei consumi: la nuova leva di acquisto per un numero sempre maggiore di persone è costituita appunto dalla RSI. Oggi al marketing mix tradizionale (prodotto, prezzo, promozione, distribuzione) si aggiunge un quinto elemento, l’etica. Il consumatore non si accontenta più soltanto della qualità e della convenienza, vuole anche che il prodotto che acquista rispetti l’ambiente, i diritti dei lavoratori e i principi elementari di giustizia e solidarietà. Per l’impresa, RSI significa assumersi la responsabilità dell’impatto prodotto dalle proprie attività sull’ambiente circostante. La tematica dell’agire etico dell’impresa sta diventando un tema forte che investe direttamente il problema della competitività delle imprese. Come mostrano i casi di grandi aziende quali Nike, Reebok e Nestlè, l’impresa non può sopravvivere e svilupparsi senza una legittimazione sociale, che può essere ottenuta solo dimostrando pubblicamente di tenere conto, nella propria attività, dei valori condivisi nell’ambiente sociale in cui si trova ad operare. Nella seconda metà degli anni ’90, all’indomani del Summit di Rio de Janeiro (1992) e della stesura dell’Agenda 21, le Nazioni Unite invitarono le grandi aziende, particolarmente le imprese multinazionali, a definire accordi commerciali che contemplassero e tutelassero i diritti umani di base, quelli dei lavoratori e il rispetto dell’ambiente. Il termine impiegato fu quello di Corporate Social Responsibility, CSR, che in italiano diventa Responsabilità Sociale d’Impresa, RSI. Molte aziende firmarono accordi con tutti i partner commerciali, dai principali clienti e fornitori ai subappaltatori di attività di servizio, affinché venissero garantiti standard etici minimi. L’Unione Europea ha iniziato ad elaborare una strategia di coinvolgimento delle imprese nel progetto RSI già a partire dal 1997: in tale anno viene infatti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

responsabilità sociale d'impresa
etica e impresa
cooperative e responsabilità sociale
governance cooperativa
stockholders e stakeholders
finanziarizzazione economia
futuro impresa cooperativa
consumatore cittadino
squilibri globalizzazione
sistema gestione integrato csr

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi