Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della casa editrice Slavia nella diffusione della letteratura russa in Italia negli anni Venti

L'argomento di questa tesi è la storia della casa editrice Slavia di Torino, fondata da Alfredo Polledro, che tratterò a partire dal contesto storico e culturali in cui è nata. Tratterò della ricezione della letteratura straniera in Italia, specie di quella russa, in un periodo in cui imperava il fascismo, avverso a qualunque cosa fosse straniera. In Italia c'era già chi pubblicava edizioni italiane di libri russi, ma la Slavia, mediante figure come Leone Ginzburg e Piero Gobetti, ha propugnato un innovativo concetto di traduzione di un testo russo direttamente dal russo, e non da una sua versione in un'altra lingua.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. IL CONTESTO STORICO E CULTURALE IN ITALIA NEGLI ANNI VENTI Dopo che si è esaurito il cosiddetto Biennio rosso (1919-1920) delle lotte operaie e contadine, la reazione dei ceti medi, degli agrari e degli industriali si indirizza in direzione del movimento fascista, le cui violenze sono assolte come premessa a un auspicato “ritorno all’ordine” 1 . Benito Mussolini, fondatore di tale movimento, in questo modo catalizza le frustrazioni della piccola borghesia, disposta all’uso della violenza, e fa lo stesso con lo spirito di rivalsa dei grandi detentori di ricchezze, soprattutto dei latifondisti. Hanno inizio allora le violenze delle squadre di volontari fascisti, le camicie nere, contro le sedi e gli uomini del movimento operaio e socialista. Nelle elezioni politiche del 1921 il Partito nazionale fascista, fondato in quello stesso anno, ottiene 35 deputati: è un numero inferiore a quello dei socialisti, ma sufficiente per sconfiggere i partiti democratici. Nell’ottobre del 1922 Mussolini organizza i suoi uomini in formazioni a carattere militare, a capo delle quali mette un quadrumvirato i cui componenti sono: Italo Balbo, Cesare De Vecchi, Emilio De Bono e Michele Bianchi. Il 27 ottobre del 1922 le camicie nere di diverse parti d’Italia si dirigono verso Roma (Marcia su Roma del 28 ottobre) per chiedere le dimissioni del governo presieduto da 1 Si veda l’enciclopedia multimediale Microsoft ® Encarta® 2006. 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Chiara Benedetta Condorelli Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1885 click dal 05/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.