Skip to content

Il Fair Play Finanziario: quale futuro per il calcio europeo?

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Riva
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Roberto Del Giudice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Scopo di questa tesi è stato quello di interpretare il calcio non solo come sport più popolare al mondo, ma anche e soprattutto come un crescente business che attrae investitori provenienti da svariate parti del mondo ed in particolare, Emirati Arabi, Russia e U.S.A.

L'elaborato si apre con un breve excursus storico riguardante quelle attività paramilitari che, nei secoli, rappresentarono gli antenati dello sport che conosciamo adesso (come ad esempio il tsu chu in Cina, il kemari in Giappone, l'episciro in Grecia e l'harpastum a Roma), per poi approfondire la conoscenza del calcio moderno con la nascita del primo club professionistico e la prima lega in Inghilterra, fino a giungere alle tre grandi organizzazioni che governano, a diverso livello, il calcio nel mondo, in Europa e in Italia, ossia la FIFA, l'UEFA e la FIGC.

La seconda parte della tesi affronta il percorso normativo e socio – economico del calcio a livello europeo ed italiano, andando ad analizzare la riforma della F.I.G.C. del 1966, che introdusse l'importante novità dell'adozione statutaria della forma giuridica di società per azioni per tutti club professionistici, successivamente amplificata dalla cosiddetta "sentenza Bosman" riguardante il caso del calciatore belga Jean Marc Bosman, che, dopo aver esperito di fronte ad ogni ordine e grado le sue doglianze, arrivò addirittura alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee per far valere e suoi diritti riguardanti la libera circolazione dei lavoratori (calciatori) nella Comunità Europa. Proseguendo poi con il riepilogo dei più recenti casi di intervento del governo italiano per salvare il settore calcio da una crisi apparentemente inarrestabile con il famigerato decreto "salva – calcio".

La terza parte dell'elaborato, introduce le due riforme più importanti che l'UEFA ha recentemente posto in essere, quali il sistema delle licenze UEFA, che prende in considerazione una serie di requisiti minimi di natura economico – finanziaria, sociali, amministrativi, organizzativi che i club di tutta Europa devono rispettare al fine di poter accedere ed iscriversi alle competizioni UEFA per club, ossia l'Europa League e la Champions League, tale argomento ha dato l'input ed il contenuto alla tesi, ovvero il Fair Play Finanziario.
Con questo termine si intende identificare quel complesso di procedure strutturale che l'UEFA ha introdotto nel 2009 con l'obiettivo dichiarato di rendere più "equo e trasparente" il business calcio, proseguendo nell'opera di rinnovamento organizzativo avviata con il sistema delle licenze.
Essendo una riforma mira a tutelare la salute economico – finanziaria dei club calcistici europei, la parte centrale della riforma schematizza i requisiti che ogni club europeo, a partire dalla stagione 2011/2012, dovrà rispettare per poter arrivare al 2019, al pareggio di bilancio.
Due sono, quindi, gli elementi su cui l'UEFA si è maggiormente concentrata per costruire l'intera riforma, ossia il breakeven point e il pareggio di bilancio, e su di essi sono stati definiti i redditi e le spese rilevanti per il calcolo del risultato annuale aggregato, la cosiddetta deviazione accettabile, ossia quel margine di cinque milioni di Euro che l'UEFA e il Panel di Controllo finanziario giudicherà come eccedenza al limite di perdita stabilita per quella determinata stagione, e il periodo di monitoraggio, ossia le stagioni sportive e i corrispondenti bilanci sui quali verrà calcolato il risultato aggregato.

La quarta ed ultima parte della tesi, esamina qual è la situazione attuale del calcio italiano rispetto ai diversi campionati esteri, quali potranno essere gli scenari futuri del calcio italiano e non solo, con l'applicazione della nuova normativa e descrive due diversi club europei che, per la loro fattispecie, vengono giudicati dall'UEFA come prototipo di società che hanno il loro core business nella gestione di una società sportiva.
La conclusione riporta una breve riflessione personale riguardante l'effettiva applicabilità della nuova normativa che, se veramente rispettata, comporterà un profondo risanamento delle malconce casse dei maggiori club europei.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Riassunto: Scopo di questa tesi e’ stato quello di interpretare il calcio non solo come sport più popolare al mondo, ma anche e soprattutto come un crescente business che attrae investitori provenienti da svariate parti del mondo ed in particolare, Emirati Arabi, Russia e U.S.A.. L’elaborato si apre con un breve excursus storico riguardante quelle attività paramilitari che, nei secoli, rappresentarono gli antenati dello sport che conosciamo adesso (come ad esempio il tsu chu in Cina, il kemari in Giappone, l’episciro in Grecia e l’harpastum a Roma), per poi approfondire la conoscenza del calcio moderno con la nascita del primo club professionistico e la prima lega in Inghilterra, fino a giungere alle tre grandi organizzazioni che governano, a diverso livello, il calcio nel mondo, in Europa e in Italia, ossia la FIFA, l’UEFA e la FIGC. La seconda parte della tesi affronta il percorso normativo e socio – economico del calcio a livello europeo ed italiano, andando ad analizzare la riforma della F.I.G.C. del 1966, che introdusse l’importante novità dell’adozione statutaria della forma giuridica di società per azioni per tutti club professionistici, successivamente amplificata dalla cosiddetta “sentenza Bosman” riguardante il caso del calciatore berga Jean Marc Bosman, che, dopo aver esperito di fronte ad ogni ordine e grado le sue doglianze, arrivò addirittura alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee per far valere e suoi diritti riguardanti la libera circolazione dei lavoratori (calciatori) nella Comunità Europa. Proseguendo poi con il riepilogo dei più recenti casi di intervento del governo italiano per salvare il settore calcio da una crisi apparentemente inarrestabile con il famigerato decreto “salva – calcio”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcio
uefa
inter
milan
fifa
figc
soccer
fair-play finanziario
financial fair play
riforma uefa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi