Skip to content

Ci fu un miracolo agricolo in Lombardia? Produzione di ricchezza e rete del credito nella regione lombarda (1866 - 1965)

Informazioni tesi

  Autore: Davide Alberto Viglioli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Marco Cattini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 382

Vi fu un “miracolo agricolo” in Lombardia? Forse è più corretto chiedersi se il processo che, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, portò al definitivo decollo industriale nell’Italia settentrionale sia stato il risultato della meccanizzazione delle pratiche agricole, completata a seguito di una lunga fase di transizione, in cui l’agricoltura e la piccola industria si svilupparono parallelamente. Sino agli anni Cinquanta, si può verificare analiticamente una notevole corrispondenza fra i dati relativi alla raccolta delle banche locali, e delle amministrazioni postali, e la consistenza dei raccolti delle principali colture cerealicole. Inoltre, si nota una relazione molto stretta tra il sistema di interdipendenze che caratterizzava l’attività creditizia nelle varie realtà che componevano la regione lombarda e la struttura dei contratti agrari in uso. Ciò indica come i modi ed i tempi di produzione della ricchezza fossero ancora, in gran parte, condizionati dalle dinamiche del mondo rurale. L’economia e la tecnica evolvono molto più rapidamente di quanto non faccia la società, che rimane profondamente condizionata, nelle sue scelte e nella sua struttura, dai modelli culturali tramandati dalla tradizione. Pur orientando i loro impieghi verso l’industria ed il terziario, le banche lombarde mantenevano salde radici nel mondo rurale, dal cui tessuto ebbero origine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Vero motore della fecondità della terra è l’uomo. Luigi Einaudi INTRODUZIONE hi non ha mai avvertito un certo disagio assistendo alla proiezione di un film del cinema neorealista, o sfogliando distrattamente le pagine ingiallite di un vecchio album di fotografie, lasciato per troppo tempo in soffitta? Il mondo di oggi appare così diverso dal quadro dipinto da quella selva di immagini sbiadite in bianco e nero, che vorremmo volentieri relegare nell’angolo più remoto della nostra memoria. In base ai dati forniti dalla contabilità nazionale, l’Italia è una delle sette principali potenze industriali del mondo, capace di attrarre un consistente flusso di immigrazione. Milano, se non è certo la capitale morale del nostro paese, come hanno dimostrato le cronache giudiziarie dell’ultimo decennio, è un importantissimo centro economico e finanziario, che ha ben poco da invidiare alle altre grandi metropoli del continente. La Lombardia da sola può competere, tanto per il numero di abitanti, quanto per l’ammontare di ricchezza prodotta, con nazioni quali Belgio, Olanda o Austria. Eppure, è sufficiente riportare idealmente l’orologio della storia indietro di mezzo secolo, o poco più, per scoprire una realtà completamente diversa, in cui la vita di gran parte della popolazione era scandita da sforzi e sacrifici quotidiani per il pane, guadagnato al prezzo di ore ed ore di duro lavoro nei campi. Quali condizioni consentirono di realizzare un cambiamento di simili proporzioni in tempi tanto brevi? Si potrebbe dare una risposta di tipo semplicistico invocando il celebre “miracolo economico”; termine assai spesso impiegato per definire il processo che portò, fra gli anni Cinquanta e Sessanta, al decisivo decollo dell’industria italiana. Un miracolo è un fatto che si ritiene dovuto ad un intervento soprannaturale, in quanto supera i limiti delle normali prevedibilità dell’accadere o va oltre le possibilità dell’azione umana, oppure il verificarsi di una contingenza C

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contratti agrari
credito agrario
crisi agricola
miracolo economico
sviluppo industriale
storia economica
storia contemporanea
agricoltura lombarda
industrializzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi