Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Scuole Allievi Ufficiali della Guardia Nazionale Repubblicana durante la Rsi: l'esperienza di Fontanellato

Approfondimento delle vicende di una Scuola Allievi Ufficiali della GNR durante la RSI, utilizzando anche fonti orali oltre a documenti inediti, per giungere a conclusioni differenti da quelle dei pochi che hanno affrontato l'argomento in ambito storiografico.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 NATURA E SCOPI DELLA RICERCA Scopo di questo lavoro è ricostruire le vicende delle Scuole Allievi Ufficiali della Guardia Nazionale Repubblicana e, in particolare, dei partecipanti alla Scuola che tenne i suoi corsi a Fontanellato tra il marzo ed il settembre del 1944. L’indagine è stata sollecitata dal desiderio di rispondere ad alcuni interrogativi suscitati dalla vicenda personale di Erino Chirico (mio parente per parte materna), che di quella Scuola fu Allievo prima di essere destinato alla Divisione Alpina Monterosa, con la quale combatté sul fronte della Garfagnana contro le forze Alleate. Venne ucciso, ventiduenne, nelle settimane successive al 25 aprile 1945, in circostanze non ancora completamente chiarite. In particolare, a suscitare il mio interesse è stato il contrasto stridente tra quanto del suo carattere e della sua personalità emergeva dalla memoria familiare (la dedizione agli studi, che ne assorbivano gran parte della giornata, un animo tranquillo e riflessivo, non particolarmente appassionato a questioni politiche) e la rappresentazione, nella maggior parte dei casi stereotipata, con limitati distinguo, che dei “repubblichini”, e in particolare dei militari combattenti, ha per lo più fornito la storiografia italiana nei passati cinquant’anni (per un verso esaltazione, fanatismo politico, culto della “bella morte”, desiderio di vendetta nei confronti dei “traditori” del fascismo o, al contrario, giovani costretti a forza dai bandi di arruolamento ad andare sotto le armi, preoccupati quasi esclusivamente delle conseguenze di un proprio eventuale rifiuto). Nell’ impossibilità di chiedergli lumi sui perché di quella scelta, per comprendere le motivazioni ad essa sottese, ho interrogato su questi aspetti i suoi coetanei di allora, i suoi ex-camerati. Un’ulteriore occasione di riflessione mi è stata offerta da alcune pubblicazioni apparse nel corso degli ultimi due anni nelle quali, pur nell’ambito talvolta di trattazioni più generali, si faceva esplicito riferimento all’attività della Scuola di Fontanellato. Molte delle affermazioni e delle conclusioni riportate in questi lavori, alla luce della limitata documentazione in essi analizzata, risultavano inconsistenti, richiedendo un ulteriore approfondimento ed uno sforzo di verifica delle fonti, di

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Pirani Cevolani Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2871 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.