Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accertamento sintetico-redditometrico. Profili teorici e problematiche applicative.

L’accertamento sintetico e, in particolare, l’accertamento sintetico-redditometrico sta diventando, negli ultimi anni, uno strumento sempre più utile ed importante nel contrasto all’evasione fiscale.
Obiettivo di questo lavoro è tratteggiare gli elementi ed i presupposti che qualificano questo istituto, nonché evidenziare i problemi che la sua disciplina comporta sul piano dell’applicazione pratica.
Strumento scarsamente utilizzato per molto tempo, l’accertamento sintetico ha conosciuto, solo di recente, una significativa accelerazione nel suo impiego. Così, i contribuenti e, più in generale, la collettività sta acquisendo una sempre maggiore coscienza degli effetti deleteri dell’evasione fiscale.
Come noto, l’evasione fiscale è un fenomeno che conferisce un vantaggio innegabile a chi la pratica, mentre penalizza coloro che pagano regolarmente le imposte che, infatti, si vedono costretti a dover concorrere alle spese pubbliche anche per la quota di competenza degli evasori.
L’accertamento sintetico, al pari degli studi di settore, costituisce quindi uno strumento per limitare, per quanto possibile, il fenomeno, anche se la sua disciplina, introdotta oramai molti anni fa, avrebbe bisogno di un intervento strutturale di modifica, che solo in minima parte è stato operato di recente con il D.L. n. 78/2010 e che ha riguardato principalmente alcuni commi dell’articolo 38 del D.P.R. 600/1973, concernenti principalmente i presupposti per l’applicazione del redditometro e la fase del contraddittorio.
Quello che ho voluto mettere in evidenza con questo elaborato, è la grande utilità dell’accertamento sintetico-redditometrico nella repressione dell’evasione, ma anche i suoi limiti e le sue incongruità. Siamo infatti in presenza di uno strumento di carattere presuntivo oramai non più attuale che avrebbe bisogno di un profondo rinnovamento, per essere reso più flessibile.
A cominciare dai beni-indice, che non sono più in grado di rivelare la reale capacità contributiva dei soggetti: ad esempio, il fatto di possedere un immobile nel centro di Roma, assume lo stesso peso reddituale di un immobile della stessa metratura ma in un piccolo paese in Molise.
Per questo è previsto che la maggior parte dei beni-indice vengano successivamente abrogati e sostituiti con un paniere di beni più attuali e modificabili con cadenza biennale.
Tutto ciò sottolinea quelli che sono i limiti di un metodo di accertamento indubbiamente efficace che il legislatore sta rimodernando con elementi di maggiore ragionevolezza. Quello che è stato messo in dubbio, non è il concetto base del redditometro, bensì la sua concreta applicabilità alle diverse situazioni dei contribuenti.
Inoltre, per quanto riguarda la prova contraria, il contribuente viene chiamato ad una difficile dimostrazione: provare che il reddito rideterminato sinteticamente dall’Amministrazione Finanziaria non è il reale ammontare del proprio reddito.
In conclusione, non si può fare altro che augurarsi che il legislatore, mosso dall’intenzione di stringere la morsa attorno agli evasori fiscali, dopo la prima serie di modifiche attuate con il D.L. n. 78/2010, continui nel processo di ammodernamento del metodo sintetico in generale e, più in particolare, del sintetico-redditometrico.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’accertamento sintetico ed, in particolare, l’accertamento sintetico- redditometrico sta diventando, negli ultimi anni, uno strumento sempre più utile ed importante nel contrasto all’evasione fiscale. Obiettivo di questo lavoro è tratteggiare gli elementi ed i presupposti che qualificano questo istituto, nonché evidenziare i problemi che la sua disciplina comporta sul piano dell’applicazione pratica. Strumento scarsamente utilizzato per molto tempo, l’accertamento sintetico ha conosciuto, solo di recente, una significativa accelerazione nel suo impiego. Infatti, dapprima con la Circolare n. 49/E risalente al 2007 e poi con il D.L. n. 112/2008 (c.d. “Manovra d’estate”), sono stati previsti una serie di controlli straordinari con la metodologia sintetico-redditometrica nel triennio 2009/2011, che hanno già fatto registrare all’erario un notevole aumento delle entrate. Dai dati che sono stati resi noti dall’Agenzia delle Entrate, solo nei primi sette mesi del 2010, sono stati 4,9 i miliardi incassati dallo Stato, il 9% in più di entrate tributarie rispetto all’anno passato. In particolare, per quanto riguarda gli accertamenti sintetici eseguiti, i numeri relativi ai controlli eseguiti e le relative somme recuperate hanno fatto segnare un segno positivo. 1 A fronte di questi dati, si può comprendere come i contribuenti e, più 1 Fonte: Comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate del 5 agosto 2010.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giulia Berti Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 798 click dal 04/07/2013.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.