Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di gestione di portafogli speculativi di options

Il mercato dei titoli derivati è, in Italia, in forte espansione. Essi permettono di realizzare strategie di copertura rispetto alle variazioni indesiderate di prezzi azionari e di materie prime; ma costituiscono anche un potentissimo strumento speculativo, oscillando giornalmente il loro valore di molti punti percentuali.
Il presente lavoro si pone due obiettivi.
Il primo consiste nell’imparare a costruire strategie di trading, in grado di sfruttare le oscillazioni nei prezzi delle options, mantenendo sotto controllo il rischio, e nel cercare di individuare la presenza di possibili occasioni di arbitraggio.
Il secondo riguarda la possibilità di ottenere informazioni sull’andamento futuro di un indice azionario, analizzando le opzioni sullo stesso.
Gli strumenti di ricerca utilizzati sono: la formula di Black e Scholes, che fornisce informazioni sul valore intrinseco delle options, e sulla loro sensibilità rispetto alle oscillazioni delle variabili determinanti il loro prezzo; l’analisi tecnica, che permette di individuare le fasi di inversione di tendenza delle quotazioni azionarie, e che, grazie alla sua duttilità, può essere impiegata nella previsione di ogni tipo di andamento legato al mondo finanziario; la teoria “classica” del portafoglio finanziario, che, grazie ai principi che ne sono alla base, risulta sempre di estrema utilità nella costruzione di strategie e di portafogli speculativi.
Il lavoro si articola in tre parti.
La prima consiste nella presentazione dello strumento options, delle nozioni teoriche e matematiche che le riguardano, della formula di Black e Scholes, degli indici di sensibilità del prezzo delle opzioni rispetto alle oscillazioni delle variabili determinanti il loro valore, delle più note strategie di copertura e speculative realizzabili con questo strumento.
La seconda parte consiste nella realizzazione di strategie di trading, attraverso la costruzione di portafogli di options, dapprima sul mercato italiano (Mibo) poi su quello inglese (Liffe). Questa parte sperimentale si realizzerà su dati reali e, attraverso un processo empirico, si cercherà di individuare se sussistono possibilità di arbitraggio nei mercati delle opzioni e quali tecniche di gestione di portafogli di options risultino più appropriate e redditizie. Si arriverà a definire una particolare modalità di scelta delle opzioni su cui investire, e di gestione dei portafogli, atta a sfruttare esclusivamente le variazioni del valore temporale delle opzioni. Questo tecnica speculativa verrà testata sia sul mercato italiano che su quello inglese.
Successivamente si evidenzierà come, analizzando le options su un indice azionario, si possano trarre interessanti indicazioni relative al futuro andamento dell’indice stesso. Per il mercato italiano verrà messo a punto un nuovo indicatore di analisi tecnica; per il mercato inglese si mostrerà come l’andamento della implicita volatilità delle options possa confermare il completamento di figure di analisi tecnica, la rottura di supporti o resistenze, ecc.
Nella terza parte verranno presentate le principali conclusioni, i commenti finali e le prospettive di ricerca.
I risultati più interessanti riguardano la possibilità di tenere sotto controllo i rischi legati alla costruzione di portafogli di options; di sfruttare, realizzando elevati profitti, le variazioni del valore temporale delle opzioni coprendosi rispetto alle oscillazioni nel prezzo del bene sottostante; di ottenere, attraverso l’analisi della implied volatility, interessanti indicazioni rispetto all’andamento futuro dell’indice sottostante.


Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il mercato dei titoli derivati è, in Italia, in forte espansione. Essi permettono di realizzare strategie di copertura rispetto alle variazioni indesiderate di prezzi azionari e di materie prime; ma costituiscono anche un potentissimo strumento speculativo, oscillando giornalmente il loro valore di molti punti percentuali. Il presente lavoro si pone due obiettivi. Il primo consiste nell’imparare a costruire strategie di trading, in grado di sfruttare le oscillazioni nei prezzi delle options, mantenendo sotto controllo il rischio, e nel cercare di individuare la presenza di possibili occasioni di arbitraggio. Il secondo riguarda la possibilità di ottenere informazioni sull’andamento futuro di un indice azionario, analizzando le opzioni sullo stesso. Gli strumenti di ricerca utilizzati sono: la formula di Black e Scholes, che fornisce informazioni sul valore intrinseco delle options, e sulla loro sensibilità rispetto alle oscillazioni delle variabili determinanti il loro prezzo; l’analisi tecnica, che permette di individuare le fasi di inversione di tendenza delle quotazioni azionarie, e che, grazie alla sua duttilità, può essere impiegata nella previsione di ogni tipo di andamento legato al mondo finanziario; la teoria “classica” del portafoglio finanziario, che, grazie ai principi che ne sono alla base, risulta sempre di estrema utilità nella costruzione di strategie e di portafogli speculativi. Il lavoro si articola in tre parti. La prima consiste nella presentazione dello strumento options, delle nozioni teoriche e matematiche che le riguardano, della formula di Black e Scholes, degli indici di sensibilità del prezzo delle opzioni rispetto alle

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Abbondanza Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5625 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.