Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Trust applicato alla crisi della famiglia

Nella tesi di laurea dal titolo "Il Trust applicato alla crisi della famiglia" ho analizzato un istituto prettamente anglosassone, poco conosciuto nei paesi del civil law, almeno fino alla ratifica della convenzione dell'Aja (per l'Italia, nel 1985, vedi legge 16 ottobre 1989 n. 364). L'analisi di tale istituto mi ha spinto a compararlo con gli istituti tipici dell'ordinamento giuridico italiano, quale il fondo patrimoniale, e successivamente, in riferimento a una possibile crisi familiare, l'utilizzo del trust in sostituzione dell'assegno di mantenimento, dopo aver ovviamente analizzato e confrontato gli strumenti che l'ordinamento italiano ha predisposto per far fronte a tali situazioni di rottura all'interno della famiglia. Infine, ho analizzato alcuni casi pratici e redatto le mie personali conclusioni, favorevoli all'utilizzo dell'istituto del trust per semplificare i rapporti patrimoniali tra ex coniugi, con grande vantaggio per la prole, soprattutto se infradiciottenne.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo primo IL TRUST DAL COMMON LAW ALLA CONVENZIONE DE L'AJA: SUA DISCIPLINA NELL’ORDINAMENTO ITALIANO 1.1 La Convenzione de L'Aja e il trust in Italia Figura negoziale di matrice anglosassone, il trust trae origine dalla elaborazione giurisprudenziale dei paesi di common law. Tramite l’istituto del trust un soggetto, chiamato fiduciante o settlor, attribuisce ad un altro soggetto, il fiduciario o trustee, mediante un atto inter vivos o una disposizione testamentaria, la proprietà di un bene perché siano gestiti a beneficio di uno o più terzi oppure per un fine determinato, come quello di beneficenza. Il patrimonio fiduciario (trust found) costituisce una massa patrimoniale separata dai beni personali del trustee e perciò è inattaccabile dai creditori di quest’ultimo; inoltre i beni che il trustee abbia alienato abusivamente possono essere recuperati presso i terzi acquirenti che non siano di buona fede (c.d. tracing). La diffusione del trust si spiega con la sua estrema semplicità e flessibilità, che lo rendono un istituto adatto ad un’ampia gamma di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Lattanzio Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2052 click dal 25/06/2013.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.