Skip to content

Innovazione nel settore delle agenzie immobiliari

Informazioni tesi

  Autore: Luca Gresta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e management
  Relatore: Riccardo Cappellin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

“Il paese meglio progredito industrialmente mostra l’immagine del loro avvenire ai paesi che gli camminano dietro sulla via dell’industria”.
Con queste parole Marx nella prefazione del suo libro più famoso “Il Capitale” esprime il concetto d’innovazione e sviluppo, cioè che il fatto di essere avanti agli altri nei processi innovativi consenta all’impresa di raggiungere gli obiettivi prefissati e a essere da esempio per tutti gli altri. Nei giorni nostri per puntare alla crescita e alla globalizzazione, il continuo cambiamento è fondamentale per aumentare i risultati dell’impresa e la sua competitività anche a livello internazionale. Le domande alle quali questo lavoro intende dare risposta sono “attraverso quali processi innovativi ed evolutivi il settore delle società di mediazione immobiliare è riuscito a svilupparsi?” e soprattutto “quali sono i possibili rimedi alla crisi che continua ad abbattersi su questo settore?”. Il progetto che segue parte con un approfondimento sul concetto d’innovazione, del quale sarà data una delle possibili definizioni; in seguito il concetto viene approfondito attraverso i contributi di illustri economisti (come Shumpeter, Porter e Solow).
Successivamente vengono elencate brevemente le fonti e le figure chiave nel processo di innovazione e i relativi vantaggi. Vengono poi esposte le tipologie di innovazione, delle quali prenderemo maggiormente in considerazione le “innovazioni organizzative”, dato che sono le uniche riscontrabili in un settore di servizi come quello della mediazione immobiliare.
Nello stesso capitolo è esposta anche una panoramica della spesa in ricerca e sviluppo nel nostro paese, indicatore fondamentale per capire che importanza da una società al processo innovativo.
Il secondo capitolo è stato dedicato a un’analisi del settore immobiliare partendo dal passato per arrivare ai valori attesi in futuro.
Prima di tutto vengono analizzati i corsi e ricorsi storici (detti cicli immobiliari) avvenuti dal 1985 e la ciclicità caratteristica di questo settore; a seguire la nostra attenzione si sposta sulle tendenze recenti e sull’impatto che la crisi ha avuto nel mercato immobiliare.
La ricerca poi si sposta sul crollo dei mutui erogati e la conseguente caduta delle compravendite immobiliari, cui segue un cenno dei possibili scenari futuri. Tramite il parere di esperti operatori del settore immobiliare saranno poi analizzate le cause di questo crollo e le prospettive per gli anni che verranno.
Nel terzo capitolo è messo a fuoco tutto il processo innovativo evolutivo delle società di mediazione immobiliare.
La prima parte illustra la nascita delle prime agenzie immobiliari che sono andate a sostituire i “sensali” ovvero i mediatori di qualsiasi affare commerciale, già conosciuti dai tempi dei Persiani; in seguito è esposto il passaggio dalle agenzie ai grandi gruppi e franchising che hanno cominciato a svilupparsi a partire dagli anni Ottanta, seguendo una tendenza prettamente statunitense.
Nei paragrafi che seguono la ricerca è focalizzata sul presente e vengono analizzate le due principali alternative di sviluppo per una società di mediazione, visto il trend negativo che i franchising stanno assumendo a partire dall’ultimo decennio; nel primo caso l’agenzia mantenendo le sue dimensioni organizzative aumenta i suoi “prodotti” attraverso collaborazioni o partnership con altri collaboratori (sfruttando la vicinanza geografica per network locali o le opportunità offerte da internet per network globali).
Quest’alternativa è resa oggi ancora più semplice dalle innovazioni informatiche che hanno permesso di creare portali attraverso i quali condividere gli immobili, perdendo la possibilità di avere l’esclusiva nella mediazione.
L’altra strada percorribile per rimanere competitivi è la trasformazione da semplice società di mediazione a polo aggregativo di funzioni e servizi, che permette all’agenzia di offrire un servizio completo ed efficiente al cliente.Quest’alternativa comporta una ristrutturazione organizzativa e un ingrandimento strutturale senza ricorrere a collaborazioni in “network immobiliari”.
In conclusione, dopo aver studiato il percorso innovativo del passato e le tendenze del momento e prendendo spunto dalle due possibilità di sviluppo nel presente, affermo la mia tesi, secondo la quale, un mix delle strade di sviluppo d’oggi permette di creare una società in grado di superare la crisi proiettandoci verso l’agenzia del futuro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
14 1.3 Fonti e tipologie di innovazione La ricerca e sviluppo (R&S) rappresenta un’attività organizzata e formalizzata da parte delle imprese e di altre organizzazioni finalizzata allo sviluppo delle invenzioni e all’introduzione di innovazioni. La R&S comprende il lavoro creativo condotto su base sistematica per l’aumento del patrimonio di conoscenze scientifiche e tecniche e per l’utilizzo di questo patrimonio di conoscenze nella realizzazione di nuove applicazioni. La ricerca di base è finalizzata alla scoperta di conoscenze e principi di natura scientifica sfruttabili dall’uomo. La ricerca applicata utilizza conoscenze scientifiche o genera nuove conoscenze tecnologiche per la creazione di nuovi prodotti o processi. Lo sviluppo consiste nell’effettiva realizzazione di un nuovo prodotto o processo. L’innovazione può svilupparsi:  “technology push”, cioè spinta come estensione delle potenzialità della tecnologia. Dipende quindi dal progresso tecnologico che è esogeno rispetto al mercato.  “demand pull”, cioè trainata dalle esigenze effettive e potenziali degli utilizzatori. Le innovazioni possono essere radicali, che rappresentano una rottura con i prodotti o processi esistenti, oppure incrementali, che comportano un miglioramento del processo, prodotto o servizio rispetto ai modelli dominanti. Per quanto riguarda le principali tipologie d’innovazione possiamo distinguere:  Innovazione di prodotto, produzione di un nuovo bene  Innovazione di processo, nuovo metodo di produzione  Innovazione commerciale, apertura di un nuovo mercato  Innovazione negli approvvigionamenti, nuova fonte di materia prima  Innovazione di mercato (fonte Shumpeter), riorganizzazione della struttura di offerta di un settore industriale  Innovazione organizzativa, riorganizzazione delle attività di gestione, della struttura organizzativa o delle relazioni con gli altri stakeholders

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi