Skip to content

Questioni e metodi della valutazione di policy. Il caso dell'istruzione

Informazioni tesi

  Autore: Angelica Russi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Paolo Feltrin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

Nel primo capitolo viene affrontato il concetto di valutazione come metodo di ricerca empirica finalizzata alla formulazione dei giudizi sull’analisi dei risultati di un intervento. Ne viene stabilita l’importanza, indicati i diversi problemi legati alla differenza tra il fattuale e contro fattuale e vengono descritti i metodi di questa attività: quello sperimentale e non sperimentale che utilizza come dati l’abbinamento, la discontinuità attorno a una soglia, il confronto tra cambiamenti nel tempo e l’esperimento naturale.
Successivamente si passa ad analizzare più da vicino il sistema dell’istruzione confrontando due politiche pubbliche scolastiche: quella statunitense con il programma Reading First e quella italiana ancora in difficoltà di avvio.
Nel capitolo terzo si valutano gli elementi più condizionanti per il successo scolastico analizzando il ruolo della famiglia con l’ereditarietà, l’ordine di nascita, l’investimento immateriale e monetario. Quello della scuola tramite il coinvolgimento dei genitori, i compagni, le risorse scolastiche. Infine il ruolo del contesto sociale e ambientale attraverso i meccanismi di contagio, i modelli di socializzazione collettiva e istituzionale. A sostegno di queste analisi vengono inseriti alcuni dati relativi alle indagini Invalsi 2012 e Pisa 2009 che analizzano il background familiare, i fattori relativi alle risorse scolastiche e le variabili territoriali. Un ultimo esame che evidenzia le considerazioni sopra effettuate è lo studio dei ritardi, del cambio di corso, dell’abbandono dell’università di Padova.
Nell’ultima parte del lavoro si cerca di individuare alcuni interventi per incrementare le competenze degli alunni nella scuola italiana attraverso una minor stratificazione scolastica, un miglioramento del processo allocativo degli insegnati, un’equa distribuzione delle risorse economiche–finanziarie, una maggiore scolarizzazione degli adulti e un aumento dell’autonomia delle scuole.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 I. LA VALUTAZIONE: DEFINIZIONE, IMPORTANZA, PROBLEMI E METODI 1 L’evoluzione storica “Cos’è la valutazione?” E’ una domanda ricorrente nei molti manuali di nuova pubblicazione anche negli Stati Uniti dove la valutazione è nata e conta ormai su un’esperienza quarantennale di lavori e di studi. Questa necessità di proporre sempre nuove e più puntuali definizioni dipende in parte dalla natura multidisciplinare di questa pratica professionale nella quale coesistono persone e culture molto diverse tra loro: sociologi, economisti, statistici, politologi, psicologi, aziendalisti ed urbanisti. In parte dipende anche dal fatto che molti dei termini impiegati in questo campo (tra cui in primis il termine valutazione) hanno un significato molto esteso, che muta a seconda dei contesti e delle situazioni. Partendo dalle origine latine, il termine deriva da valitus, participio passato di valere, avere prezzo, stimare, dare un prezzo. Dunque la valutazione è il processo mediante il quale si attribuisce ‘valore’ a un oggetto, un’azione, un evento. Il valutare è l’attività con cui le persone esprimono un giudizio riguardo a un fatto rilevante e significativo. E’ un metodo di ricerca empirica finalizzato alla formulazione di giudizi sull’analisi dei risultati di un intervento, vale e dire una qualsiasi e generica prestazione che trasformi un input in un output. 1 La valutazione può anche esser definita come un’attività tesa alla produzione sistematica di informazioni per dare giudizi su azioni pubbliche, con l’intento di migliorarle. 2 Per prima cosa essa ha un fondamento empirico, si basa sull’osservazione della realtà condotta attraverso procedure condivise da una comunità scientifica di riferimento. Inoltre ogni valutazione comporta l’espressione di un giudizio basato su un qualche tipo di confronto che deve esser motivato. Infine la valutazione ha come obiettivo il miglioramento dell’attività pubblica che comporta il porre l’attenzione alle esigenze conoscitive dei possibili utilizzatori. Dal punto di vista storico, valutazione ebbe una prima origine grazie alle riforme messe in atto nei paesi democratici soprattutto nel ventesimo secolo, che hanno posto l’attenzione sull’importanza dei rendimenti amministrativi e sulla misurazione dei risultati dell’intervento pubblico per cui il ruolo della scienza dell’amministrazione è diventato più analitico con finalità non più solo descrittive, ma anche metodologiche. Dalla Rivoluzione francese gli Stati iniziarono a cambiare, passando da una situazione pre-moderna dove lo stato svolgeva esigue funzioni - l’apparato statale era formato dall’esercito, dalla polizia e 1 Vedi Morisi M., Lippi A. , (2005), Scienza dell’amministrazione, Bologna: Il Mulino,pag. 236 2 Vedi Martini A., Sisti M., (2009), Valutare il successo delle politiche pubbliche, Bologna: il Mulino, pag. 21

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

istruzione
valutazione
pisa
controfattuale
invalsi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi