Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Intervento pubblico a favore della montagna

L'intervento pubblico a favore della montagna considera tutta la legislazione europea, nazionale e regionale di sostegno e intervento a favore dei territori e delle comunità montane, suddividendola nei settori dell'agricoltura, industria, commercio e turismo. Il tutto fa riferimento agli strumenti economici per il sostegno ed il rilancio delle aree montane afflitte da problemi di spopolamento e inerenti la maggiore difficoltà di vita in queste zone.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Cap. 1 Le misure dell'Unione Europea 1.1 Obiettivi e strumenti d'intervento: i Fondi Strutturali L'appartenenza dell'Italia alla Comunit� Europea ha comportato un progressivo sovrapporsi e integrarsi della normativa che prevede forme d'agevolazioni per le imprese in generale e, in particolare, per quelle che operano nelle aree depresse. Si sta tentando di realizzare un diverso tipo di sviluppo, che parta dal basso piuttosto che essere imposto dall'alto. Grande importanza, quindi, � attribuita alle esigenze del territorio, alle istituzioni pi� vicine al cittadino, per coinvolgere un vasto numero di attori locali. Il quadro delle politiche comunitarie, e di conseguenza delle politiche nazionali, a sostegno di realt� territoriali � in periodo particolarmente denso di cambiamenti. A ci� si unisce l'intenso percorso di riforma istituzionale che sta coinvolgendo il nostro Paese, in un processo di decentramento di competenze che vedono Regioni ed Enti locali veri protagonisti dello sviluppo. Di fatto, l'attuale disegno di riforme amministrative porta alle Regioni la competenza per la maggior parte degli interventi pubblici a sostegno di attivit� economiche e produttive. Siamo in un momento di transizione in cui si stanno effettuando i passaggi previsti dalle "leggi Bassanini" 1 , che cambiano o tentano di 1 Le leggi n� 59 e 127 del 1997 e n� 191 del 1998 (c.d. Bassanini 1, 2 e 3) contengono una serie di misure di semplificazione amministrativa e disegnano il quadro di riferimento normativo per l'attuazione della semplificazione amministrativa. Bassanini 1 La legge n� 59 del 1997 prevede lo snellimento di ben 112 procedimenti amministrativi, per il rilascio di permessi, autorizzazioni e provvedimenti di varia natura necessari per l'esercizio di attivit� di cittadini ed imprese. Ad essi vanno aggiunti gli altri 10 previsti dalla legge n� 191 del 1998. Ogni procedura, sinora disciplinata da una pluralit� di fonti, viene, oltre che semplificata nei passaggi, "delegificata", cio� regolata in un unico regolamento, abrogando le leggi preesistenti. Inoltre, con il disegno di legge annuale di delegificazione, analogamente a quanto avviene in sede di presentazione della legge comunitaria, si individuano gli ulteriori procedimenti ed i criteri da seguire per la loro semplificazione. Bassanini 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Bruno Benfatti Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1560 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.