Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra fantascienza e realtà: comunicare con una macchina è davvero possibile?

Immaginiamo di avere una conversazione faccia a faccia con un robot, di comprendere il suo linguaggio e di non dover fare alcuno sforzo nell’impartirgli un comando. Immaginiamo di chiedere alla nostra casa di accendere le luci o di aprire la porta agli ospiti o di chiacchierare amabilmente con la nostra automobile durante il tragitto casa-lavoro.
L’uomo ha sempre desiderato creare una macchina in grado di comprendere perfettamente parole, sentimenti e atteggiamenti. Pensiamo ai racconti di Isaac Asimov o a film come “Intelligenza artificiale”, “Supercar” o “Eureka” dove i robot, le automobili e le case sono in grado di capire parole, sentimenti e atteggiamenti umani. Da semplici strumenti di uso quotidiano diventano amici e aiutanti dei protagonisti.
L’obiettivo di questo elaborato è quello di capire come la tecnologia si sia evoluta nel tempo e come continuerà a farlo per assomigliare sempre più all’uomo. Si cercherà di capire come le macchine siano state modificate e migliorate per poter comunicare con i loro creatori e quali potranno essere i miglioramenti futuri e le aspettative di questo sforzo innovativo.
Proveremo a rispondere a domande come:
Gli umani e le macchine possono realmente socializzare e come?
I robot possono relazionarsi tra di loro provando sentimenti umani? E se sì, quali saranno le conseguenze? Anche le macchine avranno diritti e saranno tutelati dalla legge?
Le macchine sono in grado di imparare come i bambini?

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Immaginiamo di avere una conversazione faccia a faccia con un robot, di comprendere il suo linguaggio e di non dover fare alcuno sforzo nell’impartirgli un comando. Im- maginiamo di chiedere alla nostra casa di accendere le luci o di aprire la porta agli ospiti o di chiacchierare amabil- mente con la nostra automobile durante il tragitto casa- lavoro. L’uomo ha sempre desiderato creare una macchina in gra- do di comprendere perfettamente parole, sentimenti e atteggiamenti. Pensiamo ai racconti di Isaac Asimov o a film come “Intelligenza artificiale”, “Supercar” o “Eureka” dove i robot, le automobili e le case sono in grado di capi- re parole, sentimenti e atteggiamenti umani. Da semplici strumenti di uso quotidiano diventano amici e aiutanti dei protagonisti. Tra fantascienza e realtà Comunicare con una macchina è realmente possibile? L’obiettivo di questo elaborato è quello di capire come la tecnologia si sia evoluta nel tempo e come continuerà a farlo per assomigliare sempre più all’uomo. Si cercherà di capire come le macchine siano state modificate e migliorate per poter comunicare con i loro creatori e quali potranno essere i miglioramenti futuri e le aspettative di questo sforzo innovativo. Proveremo a rispondere a domande come:  Gli umani e le macchine possono realmente socializzare e come?  I robot possono relazionarsi tra di loro provando sentimenti umani? E se sì, quali saranno le conseguenze? Anche le macchine avranno diritti e saranno tutelati dalla legge?  Le macchine sono in grado di imparare come i bambini?

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Caterina Cambareri Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3617 click dal 18/07/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.