Skip to content

Il Montaggio in Terrence Malick

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Dainese
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Giulia Carluccio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

Questa tesi vuole aggiungere un piccolo contributo agli studi sul cinema di Terrence Malick, concentrandosi in particolar modo sulle tecniche di montaggio e quindi su quella manipolazione dello spazio e del tempo che così fortemente ha caratterizzato l'opera del regista e che è diventata una delle cifre stilistiche più direttamente riconoscibili dell'autore. La tesi si concentra sull'analisi di due film in particolare, Badlands e the New World, sia perché segnano la naturale suddivisione della carriera di Malick (che non ha prodotto nessun film per il ventennio che intercorre fra Days of Heaven e the Thin Red Line), sia perché queste due opere rappresentano bene l'evoluzione dello stile dell'autore. Sono stati individuati dei sintagmi e delle tendenze narrative ricorrenti nel montaggio di questi film (i voice over, le sequenze di montaggio, la sottrazione di coordinate spazio-temporali, il montaggio ellittico e discontinuo, la sospensione della narrazione), e sono state analizzate alcune sequenze che mettessero in evidenza l'approccio del regista alle diverse tecniche, cercando di evidenziare aderenze e discontinuità dello stile di Malick attraverso gli anni.
Badlands, l'opera d'esordio del regista, è forse il film più distante dallo stile malickiano odierno, perché è rimane legato tematicamente e stilisticamente alla poetica della coeva New Hollywood, è perché, essendo un film a basso budget, non permette a Malick quell'enorme accumulo di materiale che oggi è la condizione necessaria per affrontare dei tempi così lunghi in cabina di montaggio. La tecnica di montaggio presente fin da subito e ancora cara a Malick è la sequenza di montaggio accompagnata dal voice over, che però in Badlands viene ancora giustificata pudicamente, soprattutto a livello stilistico, dalla narrazione stralunata della protagonista, e non trova un'amalgama convincente nel tessuto narrativo, creando delle accelerazioni dal ritmo sincopato, scandendo l'alternanza fra il tono cinicamente favolistico della protagonista e l'iperrealsmo della fuga dei due amanti. La mancanza di coordinate spazio-temporali, oltre che dalle sequenze di montaggio e dal genere road-movie, è data anche da quelle leggere, quasi impercettibili ellissi che Malick distribuisce anche nelle sequenze apparentemente più lineari del film. Non c'è mai una corrispondenza reale fra il tempo dell'azione e il tempo del racconto. La sospensione della narrazione in Badlands è visceralmente legata al relativismo morale e all'inconsistenza storica dei due personaggi, e si definisce in modo estremamente malickiano sul finale del film, quando il voice over si interrompe e la soggettiva di Holly che guarda fuori dall'aeroplano ci porta nel luogo malickiano per eccellenza: fra il cielo e la terra.
Dopo essere tornato alla regia con la sottile linea rossa, Malick continua il suo discorso con un film molto meno acclamato e studiato: the New World, che però contiene degli elementi rivoluzionari rispetto allo stile del regista. The New World infatti estremizza i sintagmi e gli espedienti narrativi di cui ho parlato, giustapponendo attraverso il montaggio le immagini con una grande libertà creativa, creando un'iperstratificazione narrativa data dalla sottrazione delle coordinate spazio-temporali, dalla discontinuità narrativa fortemente ellittica e dalla sospensione temporale. Questo stile viene utilizzato da Malick per dare quella sensazione di coesistenza di tutte le cose, di convergenza e lontananza dei corpi, che una volta incontratisi staranno insieme per sempre, formando un tutt'uno con ciò che li circonda, eterni anche dopo la morte. Malick utilizza tutti gli espedienti di montaggio di cui ho parlato prima distorcendo i sintagmi classici in senso autoriale, per ricreare il "tempo" di un'unica grande anima, dove passato presente e futuro si unificano.
Alla luce dell'ultimo film di Malick, the Tree of Life, quanto detto sembra proprio essere il terreno di ricerca prediletto del regista, soprattutto alla luce di un'immagine quantomeno simbolica: il finale di the Tree of Life, dove tutti i personaggi si riunificano in un deserto di sale, camminando verso un unico skyline.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. IL POSTO DI MALICK 1.1 Dove sono le Badlands Per iniziare ad analizzare l'opera di Terrence Malick partirò da un'assenza. L'assenza di Malick da La nuova Hollywood di Geoff King, uno dei testi di riferimento per lo studio del cinema nord americano dalla fine degli anni '60 in poi 1 . Volendo esagerare, questa 'esclusione' assume in un certo senso un significato simbolico, dal momento che le tesi esposte nel libro rappresentano una presa di coscienza vera e propria rispetto a un passato recente (in alcuni capitoli recentissimo) della storia del cinema. Nella prima parte del libro Geoff King individua tre aree di studio necessarie alla comprensione del cambiamento dalla Hollywood classica a quella che noi chiameremo (senza rincorrere il dibattito) New Hollywood 2 : stile, contesto industriale e contesto sociale. Analizzando lucidamente gli spostamenti di interesse e di tendenza di film copernicani come Easy Rider – Libertà e Paura (Easy Rider, 1969) o Il Laureato (The Graduate, 1967), King individua, attraverso questi tre punti, lo schema per intuire la rivoluzione della Nuova Hollywood. Prendendo in considerazione questa prima parte, con lo scopo di far uscire Malick dal cono d'ombra, mi intrufolo nelle teorie di King e mi domando: con il suo film d'esordio, La Rabbia Giovane (Badlands, 1973), che posizione occupa Malick nella Nuova Hollywood? 3 . Partiamo dal contesto industriale di Badlands: la situazione descritta da King è oggettiva e quindi applicabile senza tanti convenevoli 1 Nel libro infatti c'è solo un breve accenno alla Sottile Linea Rossa (The Thin Red Line, 1998), ma in riferimento a un ragionamento sullo Star System e non in riferimento a considerazioni sullo stile, sul contesto sociale o sui metodi/contesti produttivi del film. Geoff King, La Nuova Hollywood, Einaudi, Torino, 2004, p. 197. 2 Intorno al termine New Hollywood ci sono intense e a volte infuriate prese di posizione, che però non verranno prese in considerazione in questa tesi. Ibid., pp. 3-5. 3 Molti altri sono i film sulla ribellione giovanile che Geoff King non prende in considerazione ma che fanno naturalmente parte della New Hollywood, come Gang (Thieves Like Us, 1974) di Altman e molti altri. Non si sta infatti qui giudicando il libro di King come incompleto, bensì si sta cercando di applicare un valido metodo di lavoro a un nuovo soggetto di studio. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
montaggio
terrence malick
the new world
badlands
la rabbia giovane
the tree of life
la sottile linea rossa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi