Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La struttura ed il mondo dei servizi d'intelligence

Partendo dall'evoluzione dei servizi d'intelligence nella Storia, vengono poi illustrate le quattro fasi che formano il processo d'intelligence attuale: la raccolta dei dati, l'analisi, la disseminazione, e lo sviluppo di una policy. In seguito si rivolge l'attenzione ai problemi morali che possono insorgere durante l'attività d'intelligence e alle correnti di pensiero che hanno risposto in maniera diversa alle questioni etiche, per poi soffermarsi infine sullo sviluppo di tecniche ed apparecchi tecnologici utilizzati dagli apparati di intelligence nel tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione I servizi d’intelligence sono un argomento al tempo stesso vasto e limitato da trattare, per quanto ciò possa sembrare un controsenso. La vastità della cosa è data dal fatto che si tratta di istituzioni presenti in qualsiasi Stato al mondo, solitamente divise in almeno due diverse agenzie – una per l’interno e una per l’estero – e a volte anche di più. Tuttavia l’ampia mole di questo argomento non è definita solo dal numero di organi e di persone che coinvolge, ma anche dal fatto che si tratta di un’attività che in una forma o nell’altra ha sempre fatto parte della Storia sin dall’inizio dei tempi. La limitazione principale nel trattare una materia simile invece sta nel fatto che pur avendo sempre affiancato (e sovente guidato) le vicende storiche e politiche del mondo, il lavoro d’intelligence in realtà è sempre stato un campo di cui non si viene mai a sapere molto – dato che la condizione perché la maggior parte delle operazioni abbia successo è che siano portate avanti con discrezione e con la consapevolezza del minor numero possibile di persone. La segretezza ha pertanto come naturale conseguenza una scarsità di fonti chiare, esaurienti ed attendibili, visto che il modo migliore perché nessuno venga a conoscenza di un’azione è che non vi siano tracce né della missione né dell’ordine che l’ha fatta iniziare. La situazione cui ho appena accennato poi è valida soprattutto per i secoli antichi, nei quali la burocrazia stessa non era ancora sviluppata ai livelli di azione sistematica ed abituale come lo è invece attualmente, e vi erano quindi meno registrazioni degli atti ufficiali. Al giorno d’oggi molte persone sentendo i termini “servizi d’intelligence” non realizzano che essi fanno riferimento a quelli che loro conoscono solitamente come “servizi segreti”. Questo anche perché uno dei problemi nell’avvicinarsi ai “servizi di informazione e sicurezza” è che fatti e personaggi storici vengono regolarmente mischiati con finzioni letterarie e cinematografiche – le quali possono certamente essere basate su fatti più o meno veritieri, ma allo stesso tempo non possono essere considerate alla stessa stregua di fonti di dati e studi certi in materia. Pertanto, una volta eliminate dalla massa apparentemente grande

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Valentina Rossi Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3768 click dal 01/08/2013.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.