Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Rentier States in Medio Oriente

La tesi affronta la teoria dei Renter States, ovvero paesi che ricevono una forma di rendita esterna che li solleva dall'obbligo di imporre un sistema di tassazione a carico dei cittadini. La forma di rendita più importante per i paesi del Medio Oriente è il petrolio, la cui vendita ed esportazione all'estero arricchiisce le casse dello stato della maggior parte dei paesi della penisola arabica e del resto del Medio Oriente.

Il primo capitolo ricostruisce la teoria in oggetto, citando i contributi degli autori più importanti come Giacomo Luciani e Hazem Beblawi.

Il secondo capitolo analizza il mercato del petrolio e ne ricostruisce la storia dal secondo dopoguerra fino alla prima decade del XXI secolo.

Il terzo capitolo è dedicato a due casi di studio: Arabia Saudita, principale paese esportatore di petrolio a livello globale; e Giordania, paese che non detiene scorte di ptrolio, ma che riceve altre forme di rendie esterne come le rimesse degli emigranti e gli aiuti finanziari internazionali.

Infine, l'ultimo capitolo affronta la questione della diversificazione economica dei paesi esportatori di petrolio.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - Introduzione Oggetto di questa tesi sono i cosiddetti Rentier States del Medio Oriente, ossia quei paesi che basano le loro entrate non sulla raccolta di tasse e tributi a carico dei redditi dei privati cittadini o dei profitti delle imprese, ma sull’incameramento di rendite, definite come un «guadagno continuativo libero da costi» 1 . Come si vedrà più dettagliatamente, le rendite possono essere petrolifere, minerarie o di altra natura, ovvero ottenute dalla produzione ed esportazione di risorse energetiche come petrolio o gas naturale; oppure si può avere il caso delle cosiddette “quasi-rendite” che si ottengono o attraverso prestiti e donazioni internazionali per prolungati periodi di tempo oppure grazie alle rimesse degli emigranti che, una volta ritornate nel sistema economico locale, hanno un profondo impatto per l’economia di uno stato. Nella tesi si presenterà la teoria dei Rentier States, quali paesi nel mondo possono essere definiti tali, le loro caratteristiche politiche, la loro condizione economica e la realtà sociale. Si cercherà di stabilire quanto le diverse forme di rendita, prima fra tutte quella petrolifera, influiscano sulle prassi politiche di questi stati. Quindi, si procederà alla descrizione degli sforzi, economici e politici, intrapresi negli ultimi anni, volti a sorpassare questa condizione di dipendenza dei suddetti paesi, che vanno dalla diversificazione delle economie basate sulle esportazioni ai timidi passi verso la 1 Voce Rendita in Enciclopedia Bompiani, vol. 14 Diritto e Economia, Bompiani, Milano 1988 p. 540-542.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudio Ranieri Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2789 click dal 30/07/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.