Skip to content

Il Turismo in Italia Oggi - Analisi statistica con particolare riferimento alla regione Puglia

Informazioni tesi

  Autore: Gianni Tubito
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia, statistica e informatica per l'azienda
  Relatore: Saverio  Troiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

Questa tesi parla dell'andamento del turismo in Italia con un particolare sguardo sul turismo pugliese, come la situazione è cambiata con l'avvento della crisi.
In questo lavoro per evidenziare l’importanza del turismo nell’economia Italiana e la sua capacità di reagire alla crisi, abbiamo considerato:
- Il contributo che il settore fornisce al sostegno e alla crescita dell'occupazione e del PIL. Infatti per incidenza sul PIL e occupazione il settore turistico Italiano è tra i più importanti al mondo;
- L’importanza dell’impresa turistica che con 158 mila imprese turistiche e se si considerano le imprese indirette si arriva a circa 383 mila unità, risulta essere il terzo polo industriale Italiano dopo quello metalmeccanico ed edile;
- La spesa turistica (cioè la somma delle spese effettuate dai turisti italiani e stranieri in Italia per l’acquisto di beni e servizi utilizzati per e durante la vacanza, ovvero nel viaggio e nel soggiorno turistico), che dopo la crisi risulta essere in leggera ripresa.
Successivamente abbiamo analizzato le varie forme di turismo classificabili in funzione della provenienza; (turismo interno, esterno ed estero) e in funzione della motivazione del viaggio; (turismo culturale, turismo religioso, ecc...).
Infine si è dato uno sguardo al settore turistico pugliese mettendo in evidenza ciò che si è fatto e cosa si potrebbe fare per un maggiore sviluppo del settore che potrebbe risultare fondamentale per la crescita dell’economia pugliese e non solo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA "La Repubblica riconosce il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico ed occupazionale del Paese nel contesto internazionale e dell'Unione Europea...". 1 Anche il Presidente della Repubblica ha rilevato "…il ruolo fondamentale svolto dall'industria turistica nel nostro Paese ed il contributo che questo importante settore dell'imprenditoria nazionale può dare alla crescita economica e sociale dell'Italia" 2 , il Ministro delle Attività Produttive ha rimarcato il "...grande ruolo che il turismo ha nell'economia nazionale in termini di valore aggiunto, di consumi, di apporto economico dall'esterno e anche per la sua capacità di attivare effetti diffusivi in tempi molto rapidi ed in modo più intensivo di altri comparti”. In altre parole l'industria del turismo è uno dei principali motori dell'economia nazionale 3 . È difficile non concordare sul fatto che sempre il turismo rappresenti un fenomeno davvero importante, sul quale la società che viviamo e che spesso anche soffriamo, ripone la speranza di una maggiore crescita economica e di una riduzione dei livelli di disoccupazione, specialmente quella giovanile altamente scolarizzata. "Per quantificare alcuni aggregati macroeconomici possiamo citare gli oltre 85.000 milioni di euro attivati dai consumi turistici in Italia: il 10,8% del totale dei consumi finali interni, che hanno generato un valore aggiunto di oltre 73.000 milioni di euro: il 4,8% dell'intero valore aggiunto nazionale, ed occupato 2.4 milioni di unità di lavoro: il 10,9% dell'occupazione totale. Se poi prendiamo in considerazione il turismo come comparto allargato: includendo cioè tutti gli altri attori che spendono per il turismo (investimenti in beni capitali e spese in viaggi d'affari per le imprese e spese per turismo degli enti pubblici) oltre ai turisti stessi e aggiungiamo la percentuale degli investimenti infrastrutturali (pensiamo al caso dei porti: quelli turistici in particolare) per la loro quota turistica, allora il peso del fatturato turistico sul PIL nazionale arriva quasi a raggiungere circa il 9,4%. 1 Legge n. 135 del 29 marzo 2001 "Riforma della legislazione nazionale sul turismo" articolo 1. 2 Dal discorso tenuto da Carlo Azelio Ciampi in occasione dell'incontro al Quirinale con una delegazione Federturismo-Confindustria nella primavera del 2007. 3 On. A. Marzano, Prefazione,”Rapporto sul Turismo Italiano 2009 sedicesima edizione”, realizzato dal Centro Ricerche Mercuri s.r.l. di Firenze con il Patrocinio del Ministero delle Attività Produttive - Direzione Generale per il Turismo e la collaborazione di ENIT, ISTAT,ACI, BIT Milano, ANCI, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Sviluppo Italia Turismo, Unioncamere e Assessorati Regionali al Turismo, Roma, luglio 2009.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

puglia
aziende turistiche
settore turistico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi