Skip to content

I Fondi strutturali nel quadro delle politiche dell'Unione Europea: le programmazioni 2000-2006 e 2007-2013

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Tenerani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Politiche e Relazioni internazionali - classe 60/s
  Relatore: Alessandro Volpi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

L’Unione europea si è trovata molto presto a dover affrontare i problemi derivanti dalle notevoli differenze di sviluppo tra le diverse aree territoriali. Al fine di sostenere finanziariamente e di coordinare gli sforzi degli Stati membri a favore dello sviluppo delle loro Regioni più depresse, l’Ue ha progressivamente attuato una politica di sviluppo regionale, anche detta politica di coesione economica e sociale, volta a perseguire il superamento degli svantaggi strutturali di alcune Regioni europee attraverso la promozione di interventi che consentano a tali Regioni di superare il proprio svantaggio. I Fondi Strutturali rappresentano uno degli strumenti fondamentali con cui l’Unione europea ha perseguito e persegue l’obiettivo della coesione economica e sociale e, proprio in ragione del loro ruolo di strumenti di politica comunitaria, i Fondi hanno trovato nel corso del tempo definizioni e regolamentazioni diverse frutto delle esigenze che di volta in volta l’Ue ha ritenuto importante affrontare e delle riflessioni circa le esperienze passate per migliorarne l’efficace utilizzo. Sempre di più le Regioni si trovano a partecipare attivamente alla definizione delle strategie per lo sviluppo dei territori ai quali appartengono. Per molto tempo sono rimaste ai margini delle riforme istituzionali europee fino alla creazione, con il trattato di Maastricht, del Comitato delle Regioni, grazie al quale i rappresentanti delle collettività locali e regionali possono esprimere pareri sulle politiche dell’Ue, rendendo così più stretto il rapporto tra Regioni e Unione europea. La fase di transizione tra il periodo di programmazione comunitaria 2000-2006 e l’attuale 2007-2013, ha rappresentato un passaggio politico, istituzionale, ma anche economico e sociale, di estrema rilevanza. In primo luogo perché, con il considerevole aumento dei Paesi membri, il baricentro delle priorità strategiche e di spesa si è progressivamente spostato verso l’Europa orientale, ma anche perché la vera sfida è costituita dalla capacità degli Stati membri, e in primis dell’Italia, di utilizzare al meglio le risorse dei Fondi strutturali e degli altri strumenti finanziari comunitari. L’Europa deve rispondere a tali sfide e, affinché riesca nel suo intento, è necessario che tutte le Regioni e tutti i cittadini collaborino attivamente alla creazione di ricchezza, occupazione e crescita. I nuovi Fondi strutturali offrono prospettive d’azione e opportunità di crescita a numerosi attori del sistema Europa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Uno dei principali obiettivi dell’Unione europea consiste nel creare opportunità per tutti i cittadini europei ovunque essi si trovino, riducendo le disparità tra le Regioni, mobilitando le potenzialità inutilizzate e concentrando le risorse in investimenti a favore della crescita. L’Ue si è trovata molto presto a dover affrontare i problemi derivanti dalle notevoli differenze di sviluppo tra le diverse aree territoriali. Al fine, quindi, di sostenere finanziariamente e di coordinare gli sforzi degli Stati membri a favore dello sviluppo delle loro Regioni più depresse, l’Ue ha progressivamente attuato una politica di sviluppo regionale, anche detta politica di coesione economica e sociale. Con il termine “coesione economica e sociale” si intende una politica di tipo solidaristico, volta a perseguire il superamento degli svantaggi strutturali di alcune Regioni europee attraverso la promozione di interventi che consentano ad esse di superare il proprio svantaggio. L’Unione dunque fin dalle sue origini si è impegnata in una politica regionale di coesione economica e sociale, ritenendo che fosse necessario, nel processo di integrazione economica e politica fra gli Stati europei, lavorare per appianare le disparità tra i livelli di sviluppo dei diversi Stati membri e fra le Regioni interne a questi Stati. I Fondi Strutturali rappresentano uno degli strumenti fondamentali con cui l’Unione europea ha perseguito e persegue l’obiettivo della coesione economica e sociale, e proprio in ragione del loro ruolo di strumenti di politica comunitaria, i Fondi hanno trovato nel corso del tempo definizioni e regolamentazioni diverse frutto delle esigenze che di volta in volta l’Ue ha ritenuto importante affrontare e delle riflessioni circa le esperienze passate, per migliorarne l’efficace utilizzo. Scopo del seguente lavoro è cercare di analizzare la programmazione comunitaria nel periodo 2000-2006 e nell’attuale periodo 2007-2013, consentendo l’emergere delle principali differenze. Negli ultimi anni l’Unione europea ha avviato un processo di responsabilizzazione dei territori. Sempre di più le Regioni e gli enti locali si trovano a partecipare attivamente alla definizione delle strategie per lo sviluppo dei territori ai quali appartengono. Gli amministratori locali sono diventati, così, non più meri gestori di politiche disegnate altrove, ma veri e propri manager, responsabili di un processo attuativo che è la definizione in itinere della politica stessa. Per tale motivo questo lavoro parte 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi