Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Psicologia e Cooperazione internazionale: studio di una comunità rurale delle Ande boliviane

Il presente lavoro di tesi presenta i frutti di una ricerca sul campo, analizzata alla luce di una cornice teorica fondata sui presupposti del Costruzionismo sociale e che impiega un linguaggio, una metodologia e degli strumenti ad esso coerenti. La ricerca è contestualizzata rispetto al settore della Cooperazione internazionale e delle O.N.G.. Segue gli sviluppi del tema della solidarietà sviscerandolo in termini critici e propositivi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 Solidarietà: da un’emozione alla realizzazione concreta del benessere. Di tutti. “All animals are equal, but some animals are more equal than others.” ORWELL G., Animal farm, 1945 1.1. Il comportamento di solidarietà. “Povere madri di Germania, d'Austria, d'Ungheria e di Boemia, come non pensare alle vostre angosce quando avete appreso che i vostri figli feriti sono prigionieri di paesi nemici! Ma le donne di Castiglione vedendo che non faccio alcuna distinzione di nazionalità, seguono il mio esempio, dando prova della medesima gentilezza nei confronti di tutti questi uomini di origini così diverse e che sono per loro tutti ugualmente estranei. -”Tutti fratelli!”- ripetevano con emozione. Onore a queste donne compassionevoli, a queste fanciulle di Castiglione! Nulla le ha disgustate, stancate o scoraggiate, e la loro modesta devozione non ha tenuto conto né di ribrezzo, né di fatiche, né di sacrifici. (…) Il popolo li visita continuamente e le donne di ogni classe portano loro a profusione arance, gelati, biscotti, dolci. La umile vedova o la più povera vecchia non si ritiene dispensata di portare il suo tributo di simpatia, la sua modesta offerta. Le stesse scene si ripetono nella nuova cattedrale, magnifico tempio di marmi bianchi dalla vasta cupola, in cui sono raccolti centinaia di feriti, e si ripetono altresì negli altri quaranta edifici, chiese e ospedali che contengono fra tutti quasi ventimila feriti e mutilati.(…) Infine, in un'epoca in cui si parla tanto di progresso e di civiltà, visto che purtroppo le guerre non possono essere sempre evitate, non urge insistere perché si cerchi, in uno spirito d'umanità e di vera civiltà, di prevenire o almeno mitigarne gli orrori?” 1 . Quest’epifania di solidarietà ha rappresentato il concepimento della Croce Rossa. Era il 1859. 1.1.1. Teorie esplicative della solidarietà agita. La psicologia presenta differenti teorie che tentano di spiegare il comportamento di solidarietà agito, di cui Dunant e la popolazione locale nei confronti dei feriti di guerra ci offrono un esempio. Alcuni costrutti lo attribuiscono all’interiorizzazione di norme collettive assunte durante i processi di socializzazione primaria e secondaria, e di norme personali riferite 1 Cfr. DUNANT H., Un souvenir de Solferino, ediz. italiana, CAPONI F. – CERI G. e OTTAVIANI R. (a cura di), ZANETTI L. (traduzione di), Fondazione Giorgio Ronchi, 2008.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Alexia Vendramini Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 365 click dal 05/09/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.