Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli ultimi scenari del medium pubblicitario

La pubblicità è un fenomeno ben radicato nella nostra civiltà post-metropolitana e molti studi sono stati compiuti su di essa secondo diverse chiavi di lettura in base all’approccio disciplinare scelto e gli scopi che si sono prefissati. La pubblicità può essere analizzata e spiegata avvalendosi delle teorie, dei modelli e dei risultati di diversi campi disciplinari, in particolare la psicologia, la sociologia, l’economia, la semiotica, la linguistica, il marketing e l’antropologia. In questa sede, per ovviare alla tendenza tautologica che per sua natura la pubblicità induce, si è partiti dal presupposto che essa sia dotata di una natura profondamente sociale, in quanto fattore rilevante nel processo di costruzione della realtà che coinvolge tutti i media e i soggetti attivi nella società. La pubblicità consente agli individui di dare senso alla propria esistenza e all’universo che li circonda, di trovare dei modelli di comportamento da seguire nella vita quotidiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 3 INTRODUZIONE La pubblicità è un fenomeno ben radicato nella nostra civiltà post- metropolitana e molti studi sono stati compiuti su di essa secondo diverse chiavi di lettura in base all’approccio disciplinare scelto e gli scopi che si sono prefissati. La pubblicità può essere analizzata e spiegata avvalendosi delle teorie, dei modelli e dei risultati di diversi campi disciplinari, in particolare la psicologia, la sociologia, l’economia, la semiotica, la linguistica, il marketing e l’antropologia. In questa sede, per ovviare alla tendenza tautologica che per sua natura la pubblicità induce, si è partiti dal presupposto che essa sia dotata di una natura profondamente sociale, in quanto fattore rilevante nel processo di costruzione della realtà che coinvolge tutti i media e i soggetti attivi nella società. La pubblicità consente agli individui di dare senso alla propria esistenza e all’universo che li circonda, di trovare dei modelli di comportamento da seguire nella vita quotidiana. 1 Secondo tale definizione la pubblicità assume il carattere di specchio sociale o “specchio spudorato” che rivela tutto ciò che sedimenta nella coscienza e nell’inconscio collettivo; una gigantesca rete, che raccogliendo e spettacolarizzando frammenti e detriti della cultura, del costume, degli usi, delle abitudini del nostro tempo, può realizzare combinazioni spesso sorprendenti, e sintetizzare materiali nuovi e pronti per essere adoperati dal pubblico, che si appropria di segnali e di modi di dire pubblicitari e nuovamente li modifica. 2 Inoltre la pubblicità si è sviluppata e continua ad evolversi, mutando le sue forme, i suoi linguaggi e il suo modo di agire in concomitanza 1 V. Codeluppi, “La pubblicità. Guida alla lettura dei messaggi”, Milano, Franco Angeli, 1997, p.8 2 A. Testa, “La parola immaginata”, Il mulino, Bologna, 1988, p.23

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Sabrina Marrocco Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1345 click dal 06/09/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.