Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Formazione delle impressioni: è più importante il curriculum o il brand?

La presentazione di sé, o impression management si riferisce al processo mediante il quale gli individui tentano di controllare la loro impressione sugli altri. Siccome l’impressione che si genera negli osservatori ha importanti implicazioni sulla percezione, la valutazione, il modo di interagire e anche sulla considerazione di sé, le persone spesso si comportano in modo tale da fornire volontariamente e intenzionalmente una certa impressione di sé agli altri.
Sebbene molti autori usino il termine impression management e presentazione di sé in modo interscambiabile, come fossero dei sinonimi, in letteratura si può trovare una distinzione tra i due termini.
Ad esempio Schlenker (1980, p.6) ha definito l’impression management come “il tentativo di controllare le immagini progettate in interazioni sociali reali o immaginarie” e riserva il termine di presentazione di sé per i casi in cui le immagini costruite sono “pertinenti per il sé” .
In modo simile, D. J. Schneider (1981), ha sottolineato che le impressioni possono essere gestite anche attraverso altri metodi oltre a quello di presentazione di sé.
In generale, dunque, l’impression management sarebbe un costrutto più ampio e onnicomprensivo che rinvia a tutte le forme di controllo strategico dell’impressione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Per avere successo è basilare proiettare un’ottima immagine di sé, in qualsiasi momento”, si sente ripetere nel film American Beauty di Sam Mendes. Come non essere d’accordo con tale affermazione? Al giorno d’oggi fare una buona impressione sugli altri è fondamentale per avere successo nei diversi campi della vita, le persone capaci di offrire un’immagine adeguata e positiva di sé riescono a garantirsi una migliore qualità di vita, potendo contare sulla simpatia e sull’accettazione degli altri ottenendo così più facilmente privilegi sia sociali che materiali. L’immagine che noi trasmettiamo o ci sforziamo di trasmettere attraverso il nostro comportamento e, in modo più ampio, attraverso il nostro modo di essere (ciò che facciamo o non facciamo, come ci muoviamo, come conversiamo ecc.) costituisce una parte fondamentale del processo di comunicazione che quotidianamente gestiamo all’interno dei nostri rapporti sociali. Dovendo interagire con molte persone, spesso in maniera superficiale, l’abilità nel creare velocemente e facilmente un’impressione positiva è molto importante. Ognuno di noi nella costruzione e nella gestione delle interazioni sociali si basa principalmente sull’impressione che riceve dagli altri e risponde a tale impressione, che si può rivelare più o meno accurata, considerandola in funzione della situazione o della circostanza. L’impressione che noi suscitiamo negli altri e, viceversa, le impressioni che gli altri suscitano in noi determinano in modo rilevante le nostre relazioni sociali e il loro successo. Per questo motivo siamo costantemente impegnati, in modo più o meno cosciente, a veicolare una certa immagine di noi a seconda delle situazioni. Ogni giorno nei nostri incontri a scuola, a lavoro, a casa, per strada facciamo affidamento sull’impressione che gli altri ci trasmettono e, a nostra volta, cerchiamo di trasmettere un’immagine di noi agli altri con l’intento di perseguire i nostri obiettivi. Noi pensiamo, pianifichiamo e valutiamo in modo strategico prima di scegliere un messaggio particolare da trasmettere e siamo

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Silvia Angelotti Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 662 click dal 10/09/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.