Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle prestazioni e dei sistemi di depurazione di impianti di termovalorizzazione

Questo elaborato parla del trattamento rifiuti tramite termovalorizzazione.
La termovalorizzazione rispetto all’ incenerimento presenta il vantaggio di recuperare energia elettrica e/o energia termica dalla combustione dei RSU (Rifiuti solidi urbani) o dei CDR (Combustibile da rifiuto).
Si sono presi in considerazione i termovalorizzatori della regione Emilia-Romagna i quali sono per l’esattezza Bologna, Modena, Ferrara, Rimini, Forlì, Reggio Emilia, Piacenza e il polo funzionante a CDR di Ravenna.
Nel primo capitolo sono analizzate le varie parti dell’impianto e le varie tecnologie disponibili, prestando maggiore attenzione ai forni e ai metodi di abbattimento degli inquinanti.
Nel secondo capitolo sono presentate le soluzioni adottate nei termovalorizzatori dell’Emilia-Romagna, analizzando potenzialità e calcolando il rendimento elettrico ottenuto.
Nel terzo capitolo è posta l’attenzione sulla Normativa vigente e viene presentato il Decreto Legge 133/2005, riportando gli articoli rilevanti al termovalorizzatore e gli articoli del decreto Ronchi del 1997 per le parti rimaste immutate.
Nel capitolo quarto abbiamo analizzato la parte riguardante i costi di investimento e unitari del processo di termovalorizzazione; abbiamo successivamente inserito il parametro rapporto qualità/prezzo e il fattore di scala sugli investimenti iniziali. Infine abbiamo confrontato questi parametri tra i vari termovalorizzatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo 1 La Termovalorizzazione La termovalorizzazione, dopo il riuso e insieme al riciclaggio, è il mezzo migliore per non disperdere risorse e recuperare l’energia presente nei rifiuti. Fig 1.1: Interno camera di combustione impianto di incenerimento 1.1 Utilità e funzionamento del Termovalorizzatore I rifiuti sono costituiti essenzialmente da tre tipologie di sostanze combustibili  Frazione combustibile: rappresenta il 30-40% in peso del rifiuto ed è costituita da composti C, H, N e S, le cui reazioni elementari di combustione sono le seguenti: C + O 2  CO 2 (completa) C + ½ O 2 CO(incompleta) H 2 + ½ O 2  H 2 O N 2 + 3 O 2  2 NO 3 N 2 + 2 O 2  2 NO 2 N 2 + O 2  2 NO S + 3/2 O 2  SO 3 S + O 2  SO 2  Acqua: costituisce il 35-40% in peso del rifiuto e si trova sotto forma di umidità;  Inerti: sostanze che non dando reazioni di ossidazione non bruciano, costituisce circa il 25-30% del rifiuto in peso.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Sandro Giusti Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 479 click dal 11/09/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.