Skip to content

Indagine sulle problematiche e le prospettive di sviluppo del crowdfunding come strumento di finanziamento per il commercio equo e solidale

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Alestra
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dell'Economia
  Corso: Pubblicità, Editoria e Creatività d'Impresa
  Relatore: Piergiorgio Degli Esposti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

Il presente lavoro di tesi intende analizzare, attraverso uno studio sperimentale, le problematiche e le prospettive di sviluppo del crowdfunding come strumento di finanziamento per il commercio equo e solidale.
Nella attuale realtà quotidiana, in cui ogni impresa, attività o idea nascente fatica ad emergere e a trovare la necessaria linfa vitale a livello di capitali di rischio, il crowdfunding, metodologia di raccolta di capitali dal basso basata su una richiesta agli utenti del grande universo internet, si sta affermando validamente come strumento alternativo a disposizione di chiunque al fine di ottenere finanziamenti aggirando quelli che sono i meccanismi tradizionali legati a banche ed istituzioni classiche.
In tutto ciò il commercio equo e solidale, per quanto in grado di navigare in maniera relativamente positiva nelle tempeste di crisi degli ultimi anni, si presenta sia sotto il punto di vista pratico che sotto quello teorico, come una delle realtà che maggiormente potrebbero trarre vantaggio dall'adozione di uno strumento come il crowdfunding.
Lo studio analitico al centro del lavoro, basato sull'analisi di un questionario rivolto agli operatori italiani di commercio equo e solidale iscritti nel Registro Agices, fornisce risposte interessanti per considerare entrambi i mondi in questione sotto una luce completamente nuova e per comprendere gli elementi di forza e debolezza di una loro ipotetica unione.

Il lavoro si dipana secondo il seguente tracciato:
Nella prima parte, di inquadramento teorico generale, vengono affrontati i concetti e gli studi che descrivono il contesto di nascita e sviluppo del crowdfunding. La presentazione procede attraverso l'analisi dei concetti di Web 2.0, delle teorie che ne sono cardine e dei fenomeni che lo caratterizzano. Partendo dunque da una semplice definizione di Web 2.0 si arrivano a trattare temi come la Open Culture, l'intelligenza collettiva, la saggezza della folla, il prosumerismo, la coda lunga, Google, Wikipedia, il Social Networking e il crowdsourcing, con l'esposizione, argomento per argomento, delle principali posizioni ed implicazioni teoriche inquadrate nel cono d'interesse del successivo studio.

La seconda parte, di inquadramento specifico, espone approfonditamente il tema del crowdfunding. Partendo da un tentativo di definizione precisa, si procede con un excursus storico necessario per contornare adeguatamente il fenomeno e metterne a fuoco le origini e gli “antenati”. Segue poi una precisazione sui modelli e sulle forme che può assumere il fenomeno, un'elencazione dei suoi pro e contro ed una sorta di guida su come condurre (e non condurre) una campagna di successo. Non sono stati trascurati gli aspetti legali del crowdfunding, che vengono trattati attraverso l'esposizione ed interpretazione delle regolamentazioni sia estere che, soprattutto, italiane. L'ultima parte di questo approfondito insight nel mondo del crowdfunding prevede una panoramica sulle piattaforme italiane e mondiali ed una carrellata di casi esemplificativi o di successo degli ultimi anni.

La terza parte, sempre di inquadramento specifico, offre una panoramica sul commercio equo e solidale comprensiva di una breve illustrazione storica, una presentazione dei suoi protagonisti ed un approfondimento specifico sulla realtà italiana e le sue caratteristiche.

La quarta parte, di ricerca, presenta le basi teoriche specifiche da cui nasce l'idea di indagare la fusione dei due fenomeni, le ipotesi di ricerca e le metodologie adottate, alla cui esposizione segue una dettagliata presentazione dell'interpretazione dei risultati ottenuti dall'analisi dei dati raccolti.

Lo studio, uno dei primi sul crowdfunding in Italia e sicuramente il primo ad affrontare il tema unitamente a quello del commercio equo e solidale, evidenzia come i punti di convergenza e contiguità riscontrati a livello teorico tra i due universi possano avere consistenti possibilità di concretizzarsi in sviluppi potenzialmente molto fruttuosi. Questo a patto che entrambe le realtà riescano a superare alcuni loro limiti oggettivi e si impegnino ad abbattere quelle barriere, talvolta autoimposte, che ne limitano l'apertura e dunque le possibilità di sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La crisi economica che ha preso vita nel 2008 a seguito del crollo dei subprime statunitensi continua ad attanagliare tutte le principali economie mondiali. Ogni realtà, ogni ambito e contesto economico e finanziario è stato investito dagli effetti negativi della situazione. In tale panorama forti sono state anche le ripercussioni sulle banche, che erano e restano l'architrave dominante per il reperimento di mezzi finanziari per figure di ogni dimensione, dalla multinazionale al piccolo imprenditore, fino alla coppia di novelli sposi. I dati della Banca d'Italia evidenziano come i rubinetti degli istituti di credito si siano sensibilmente stretti, e le possibilità di accesso ai prestiti siano scese in maniera drastica sia per le imprese che per le famiglie. In un simile contesto reperire fondi per una qualunque iniziativa, imprenditoriale o meno, è divenuto dunque sempre più complesso. È però probabilmente vero che dietro le difficoltà si possano celare delle opportunità di crescita, di miglioramento, dovute alla necessità di allargare lo sguardo ed il pensiero alla ricerca di soluzioni alternative. Lungi dal presente lavoro è fare della sterile retorica motivazionale, ma la storia è piena di realtà che sono esempio di quanto affermato. Come si può fare a meno delle banche per finanziare un'idea o un'iniziativa? Esistono alternative? Dove reperire capitali di rischio? Come fare quindi a dare vita ad un progetto imprenditoriale e non solo? La risposta che dalla realtà dei fatti è emersa con forza sempre maggiore negli ultimi due-tre anni è : “Il Crowdfunding”. Con il termine crowdfunding si può intendere letteralmente “finanziamento dalla folla”. Si tratta di un sistema di raccolta fondi che avviene online per mezzo e tramite le reti di contatti, che siano esse composte amici, fan o perfetti sconosciuti,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
comunicazione
commercio equo e solidale
web 2.0
crowdsourcing
crowdfunding
crowd funding
equity
reward
kickstarter

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi