Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rappresentazione della famiglia nella fiction

L'elaborazione di questa tesi ci consentirà di fare un escursus attraverso la storia della fiction italiana, analizzandone, dal punto di vista sociologico i modelli di famiglia proposti.
Inoltre, ponendo l'attenzione su alcune fiction di produzione italiana, osserveremo il rapporto che intercorre tra le varie fasce d'età all'interno dei nuclei familiari e di come la famiglia nella sua complessità viene percepita dalla società.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il tema della rappresentazione della famiglia, attraverso i mass- media (mezzi di comunicazione attraverso cui è possibile diffondere un messaggio ad una pluralità di indistinti e diffusi destinatari, senza che sia necessaria l'interazione tra i due poli) e, in particolare, attraverso la fiction, è uno dei più importanti nel mondo della comunicazione globale. Dal report di ricerca del 2007, curato da OssCom (Osservatorio sui media e sulla Comunicazione), è emerso: «uno scenario che va affrontato, dal punto di vista della ricaduta sociale, per le possibili prospettive d’analisi di un tema che, ormai, è diventato un vero e proprio fenomeno sociale che lascia ancora aperti moltissimi interrogativi, soprattutto nell’opinione pubblica. La considerazione è di come il ruolo strutturale che la famiglia riveste nel tessuto sociale la esponga a essere oggetto di discorso da parte di agenzie culturali e soggetti collettivi che, spesso, la rappresentano secondo logiche parziali e, a volte, distorte». Si realizza così la convivenza di una pluralità di discorsi sulla famiglia, pubblicamente pronunciati da diversi soggetti sociali in grado di produrre altrettante immagini e rappresentazioni collettive della famiglia. Solo alcune di queste rappresentazioni hanno, però, libero corso nel circuito dei media e beneficiano del loro effetto di risonanza: lo scarto che si crea fra le diverse immagini di famiglia determina il risultato paradossale che il massimo di visibilità sociale è spesso garantito a discorsi minoritari e che, viceversa, l’espressione dell’esperienza di larga parte delle famiglie italiane trovi solo spazi marginali o secondari. Pertanto, la voce di chi si fa carico di portare all’attenzione del dibattito culturale e politico italiano la famiglia, come soggetto sociale, incontra spesso grandi difficoltà ad accedere ai media e ai luoghi di formazione dell’opinione pubblica. Il confronto diretto fra tali immagini e rappresentazioni costituirebbe, dunque, un passo importante per la riflessione sull’identità e sul ruolo della famiglia oggi nel nostro paese, ma esso è reso difficile dalle specificità dei singoli media coinvolti e dalle differenze tra generi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Maria Grazia La Selva Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2141 click dal 23/09/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.