Skip to content

Specchi, doppi, nonsense: il sentiero del ''riflesso'' da Luigi Pirandello a Lewis Carroll

Informazioni tesi

  Autore: Lorena Torrisi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Rosario Castelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

Partendo da parole chiavi quali: specchi, doppi, non sense, la tesi si propone di delineare un percorso di natura psicoletteraria che mette a raffronto due celeberrimi romanzi del panorama europeo quali Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello e Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll. Due autori e due opere apparentemente “lontane” tra loro, ma che in una chiave di lettura rivestita di originali metodologie di ricerca psicoanalitica, trovano un legame e accenti di altrettante originali analogie che conferiscono a entrambe una visione compatta e unitaria di contenuti e obiettivi filoletterari. Contenuti che si sintetizzano attraverso un comune filo conduttore intessuto di elaborate trame innescate da un processo psichico, quello della scissione e della conseguenziale perdita dell’unità dell’Io, che si riscontra in entrambi i protagonisti sotto molteplici aspetti di natura essenzialmente esistenziale. Alice come Vitangelo rappresentano in tal senso gli emblematici artefici, protagonisti, e insieme eroi, di coloro che riuscendo a oltrepassare quella sottile linea di demarcazione denominata comunemente “ragione”, approdano e deliziosamente si perdono nella consolatrice natura di una dichiarata follia. Una follia questa, che sfocia e si dissolve nella disperata e tormentata pretesa di dominio e possesso, che accomuna entrambi i protagonisti, nel desiderio di afferrare e tenere in pugno quell’irraggiungibile e mancato “oggetto” di cui Jacques Lacan, sommo psicoanalista francese, ne traccia e ne delinea il sentiero.
Obiettivo che si traccia tale lavoro è la riscoperta e un nuovo approccio di carattere metodico comparativo di assonanze apparentemente inesistenti, ma da risvolti assolutamente sorprendenti che si propongono i due romanzi, attraverso un’indagine di ricerca psicoanalitica tesa a rivelarne l’insidioso male che prende origine da una sintomatologia, oscuro male dell’Essere: la schizoidia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE «Ragioni troppo, mi pare... [...] Sì! E questo è il mio male» 1 . Un male, quello esistenziale, da cui trae origine il tormentato universo dell'Essere nelle sue multiformi sfumature fatto di ombre e abissi impenetrabili, padre di quell'umorismo generato dal dissidio fondamentale dell'Io. In una lettera scritta alla sorella Lina nel 1886, Luigi Pirandello enfatizza questo atto del pensare andando oltre ciò che il pensiero offre nella sua forma latente e indagandolo nella sua essenza piø profonda: «La meditazione è l'abisso nero, popolato di foschi fantasmi, custodito dallo sconforto disperato. Un raggio di luce non vi penetra mai, e il desiderio di averlo ti sprofonda sempre piø nelle tenebre dense... ¨ una sete inestinguibile, un furore ostinato; ma il nero ti abbevera la immensità silenziosa ti agghiaccia» 2 . E proprio in rapporto a tale condizione descritta che scatta la sensazione della vita come «enorme pupazzata», in fondo al quale vive una condizione di abbassamento del tono vitale che produce un senso d'estraniazione tradotto in quel determinato concetto astratto del «vedersi vivere». Così come accade all'antieroe Vitangelo Moscarda, protagonista di sØ stesso nel romanzo pirandelliano Uno, nessuno e centomila, ispirato alla novella Stefano Giogli, uno e due 3 e uscito a puntate sulla “Fiera letteraria” (dicembre 1925- giugno 1926) con un lungo sottotitolo: Considerazioni di Vitangelo Moscarda, generali sulla vita degli uomini e particolari sulla propria, in otto libri, considerato dallo stesso Luigi Pirandello come «il piø amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita: Moscarda, uno, nessuno e centomila». A tale sensazione del «vedersi vivere», si accosta un altro turbamento che prende origine dal nonsense di tutte le cose e che Pirandello esplicita ancora nella lettera 1 L. Pirandello, Se… in Novelle per un anno, a cura di I. Borzì e M. Argenziano, Milano, Newton, 1994, p. 116. 2 Id., L'umorismo e altri saggi, a cura di E. Ghidetti, Firenze, Giunti, 1994, p. XII. 3 Cfr. Id., Novelle per un anno, cit., pp. 1410 sgg.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

doppio
inconscio
specchio
luigi pirandello
lewis carroll
narciso
tana del coniglio
cappellaio matto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi