Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Audacia di esser pazzi. Analisi semiotica dell'opera di Fortunato Depero

Nella mia tesi ho utilizzato le tecniche di lettura semiotica per giocare un'interpretazione nuova ed inedita dell'opera di Fortunato Depero, con particolare riferimento alla sua collaborazione pubblicitaria con l'azienda Camapari.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione La semiotica per gli studi visivi è una disciplina molto giovane, sicuramente molto più giovane del Futurismo, e certamente applicabile all’analisi di mezzi espressivi appartenenti a tutte le ere storiche. Ad introdurla saranno studi condotti negli anni ’60 dai semiologi dell’epoca, i quali proprio attraverso gli strumenti della semiologia smontano l’oggetto d’analisi, mostrandone il suo funzionamento, permettendo la traduzione dell’immagine in testo, con il fine ultimo di estrapolarne il suo più profondo significato. Nell’elaborato che presento oggi, cercherò di scovare, assumendo una prospettiva semiotica, i sistemi di significazioni nati dai geni dell’unica avanguardia artistica del ‘900 italiano. Perciò mi sono piacevolmente immersa nelle enfatiche quanto deliranti costruzioni futuriste dell’universo, che seppur vaneggianti hanno decisamente inciso sull’evoluzione stilistica di una moltitudine di linguaggi di comunicazione. Ciò che il Futurismo interessò non fu semplicemente scosso da una ventata di rinnovamento, ma fu realmente travolto da una bufera che rovesciò i valori sbandierati da accademici, decadentisti e naturalisti. Marinetti, Boccioni, Carrà, Balla osannavano attraverso ogni mezzo, o escogitandone di nuovi, di aprire le gabbie della norma che da secoli relegava il linguaggio letterario, artistico e musicale. Un poderoso schiaffo per quella nuova società borghese già fortemente ammaliata nel Liberty tranquillizzante, invecchiato e languido, completamente estraneo all’esuberanza del mondo moderno. È così che per i futuristi l’arte diventa arma, che deve e vuole assolutamente comunicare e contagiare tutte le società. L’arte è la bomba atomica contro la quiete, l’abbattimento del muro tra arti pure e arte applicata, per una rivoluzionaria dimensione artistica a contatto con la quotidianità sociale.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Elena Bardini Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1028 click dal 23/09/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.