Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzare i metadati pubblici per geolocalizzare e contattare gli utenti

Negli ultimi dieci anni i servizi di social network hanno influenzato e modificato le interazioni sociali e le abitudini quotidiane di molte persone.
Recentemente, i social network, hanno subito una trasformazione importante grazie soprattutto a due fattori. Il primo è il lancio di un nuovo dispositivo mobile, lo smartphone, da cui potervi accedere in qualsiasi momento e luogo. Secondo fattore è la presenza sempre più diffusa di una nuova funzionalità, la geolocalizzazione, con cui è possibile determinare la posizione geografica, passata, in tempo reale e - secondo alcuni studi – futura, di un utente.
Quando si utilizzano i social network e si condividono contenuti multimediali, si rendono disponibili anche ulteriori dati correlati: i metadati. Queste informazioni aggiuntive includono dati relativi all'utente, alla sua navigazione ed alla sua posizione geografica.
Se adeguatamente sfruttati, i metadati, in particolare quelli relativi alla locazione degli utenti, possono offrire grandi opportunità e vantaggi ai diversi soggetti in gioco: agli utenti, alle aziende, ai gestori dei servizi di social network e agli sviluppatori Web.
Dal momento che l'utilizzo di questo tipo di servizi può prevedere la divulgazione della propria posizione e di altre informazioni private, non si può non prendere in considerazione gli atteggiamenti degli utenti e le preoccupazioni per la loro privacy.
Il primo contributo di questo lavoro è un'indagine, condotta attraverso la somministrazione di un questionario a 132 soggetti, che ha permesso di raccogliere alcuni dati sulle abitudini d'uso degli smartphone, sulla gestione della privacy e sull'adozione della geolocalizzazione in Twitter e Instagram. Inoltre sono state raccolte le opinioni dei soggetti in riferimento ad alcuni ipotetici impieghi da parte di terzi dei dati sulla posizione, resi disponibili dagli utenti durante l'utilizzo dei servizi geolocalizzati.
Questo introduce il secondo contributo di tale lavoro: un'applicazione Web, creata con il linguaggio di programmazione Python, in grado di geolocalizzare e rappresentare su una mappa gli utenti in base ai metadati forniti, in tempo reale, interagendo con Twitter ed Instagram. Nonostante avvenga in modo automatico, la localizzazione si basa solo su dati pubblici, non violando la privacy degli utenti.
L'applicazione può assolvere a scopi differenti (ad esempio di marketing, sociologici e di gestione delle emergenze) in base ai quali vengono impostati i criteri che permettono di filtrare, selezionare e, in seguito, contattare gli utenti rintracciati in una determinata area.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il seguente progetto di ricerca si prepone di analizzare due fenomeni che stanno caratterizzando sempre più le relazioni sociali e le abitudini quotidiane delle persone e, più in generale, la società moderna: i social network e la geolocalizzazione. Il lancio dello smartphone ha reso gli utenti più dinamici dando loro la possibilità di accedere sempre ed in mobilità alla Rete e quindi ai servizi di social network; altresì, attraverso il dispositivo GPS in esso installato ha permesso la rilevazione della loro esatta posizione geografica. L'interazione tra social network e geolocalizzazione ha fatto emergere numerose e diversificate opportunità, le quali, se ben sfruttate, possono giocare un ruolo rilevante in diversi contesti e permettere a molteplici soggetti, tra cui utenti e gestori dei social network, attività commerciali, enti pubblici e sviluppatori Web, di ottenere importanti vantaggi reciproci. Per un'analisi più approfondita, è stato deciso di procedere alla conduzione di un'indagine attraverso la somministrazione di un questionario ad alcuni soggetti. Questo ha permesso di raccogliere informazioni più dettagliate e aggiornate relative all'utilizzo dei social network e degli strumenti della geolocalizzazione, agli atteggiamenti degli utenti rispetto alla propria privacy e alle loro opinioni riguardo il possibile impiego della propria posizione da parte di terzi. Le grandi opportunità offerte dai metadati, la crescente disponibilità nel Web di dati relativi alla posizione degli individui e il resoconto dell'indagine condotta costituiscono degli elementi a favore del principale contributo di questo lavoro: lo sviluppo di un'applicazione per geolocalizzare in tempo reale gli utenti di Twitter e di Instagram. Il funzionamento di TwiMapGram, la App proposta, prevede la ricerca degli utenti presenti in una specifica area geografica, il loro filtraggio, in base a uno dei parametri proposti, e la rappresentazione su una mappa degli utenti selezionati. Il seguente lavoro è suddiviso in quattro capitoli. Il primo capitolo permetterà di inquadrare e di descrivere il fenomeno dei social network e della geolocalizzazione. Verranno illustrate le principali caratteristiche, le diverse tipologie e la storia -dalle origini fino ai cambiamenti più recenti- dei siti di social network, senza dimenticare le informazioni e le statistiche più aggiornate. Il secondo capitolo si concentrerà sulle informazioni aggiuntive (i metadati) che l'utilizzo altrui dei social network permette di ricavare e, in particolare, sulla lunga serie di vantaggi concreti ottenibili 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Dipartimento di Comunicazione ed Economia

Autore: Valentina Tamanini Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 923 click dal 02/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.