Skip to content

Stress cardiovascolare: modulazione della proteina BAG3

Informazioni tesi

  Autore: Rita Manzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Chimica e Tecnologia Farmaceutiche
  Relatore: Maria Pascale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

La proteina anti-apoptotica BAG3 è espressa a livelli significativi nei muscoli scheletrico e cardiaco. In particolare, la proteina si localizza a livello dei dischi Z dove sostiene la sopravvivenza e l’attività contrattile, pur non essendo coinvolta nel processo di sviluppo del muscolo stesso. Dati recenti hanno evidenziato un sensibile aumento dell’espressione di BAG3 nel tessuto cardiaco di ratto dopo induzione di infarto attraverso l’occlusione temporanea dell’arteria coronarica discendente, tale da far ipotizzare un ruolo della proteina nella regolazione della sopravvivenza di cardiomiociti in condizioni di stress ossidativo.
Si è ritenuto interessante valutare il ruolo di BAG3 nella patogenesi della cardiomiopatia di Tako-Tsubo o cardiomiopatia da stress, caratterizzata da una disfunzione del ventricolo sinistro, di solito transitoria, con sintomi tipici della sindrome coronarica acuta. L’assenza di significativi fattori di rischio cardiovascolare nelle pazienti colpite da questa forma di cardiomiopatia ci ha fatto ipotizzare che potesse essere associata ad un’eventuale causa genetica; pertanto, abbiamo voluto verificare se le pazienti affette da questa cardiomiopatia avessero o meno mutazioni a carico del gene bag3.
A tale scopo, erano già state disegnate 5 copie di primers utili ad amplificare, mediante PCR sul DNA genomico estratto dai leucociti di donatori sani e di pazienti affette da cardiomiopatia di Tako-Tsubo ricoverate presso l’UTIC dell’Azienda Ospedaliera Universitaria OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno, i 4 esoni del gene bag3 (due coppie di primers sono state utilizzate per amplificare il quarto esone, più esteso degli altri). I prodotti di PCR sono stati sequenziati mediante reazione con Big Dye (ABI) e gli elettroferogrammi sono stati analizzati mediante software bioinformatici per la ricerca di mutazioni a carico delle regioni codificanti di bag3. [...]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE 1.1 Cardiomiociti I cardiomiociti (Figura 1) rappresentano la popolazione cellulare maggiormente rappresentata nel tessuto muscolare cardiaco, il miocardio, responsabile della contrazione cardiaca. Essi presentano una forma allungata e misurano solitamente 100 µm in lunghezza e 10–15 µm in spessore. Sono provvisti di un unico nucleo, collocato al centro della cellula, dotato di uno o due nucleoli di forma ovoidale. In prossimità del nucleo si trova un piccolo apparato di Golgi; la struttura del reticolo sarcoplasmatico all’interno dei cardiomiociti differisce di molto da quella che si riscontra nel muscolo scheletrico: infatti, anziché cisterne fenestrate disposte trasversalmente, si osservano sarcotubuli di piccolo diametro posizionati in modo tale da formare una rete tridimensionale attorno ai miofilamenti. I mitocondri, disposti tra i miofilamenti, sono numerosi e voluminosi, con una forma grossolanamente cilindrica e dotati di creste molto sviluppate (Rosati P. & Colombo R., 1997). Date le loro dimensioni, essi occupano il 30–40 % del volume del sarcoplasma (citosol della fibrocellula cardiaca) e rappresentano il centro delle vie ossidative del metabolismo aerobio: in essi infatti hanno luogo la β-ossidazione degli acidi grassi con produzione di acil-CoA, la decarbossilazione ossidativa dell’acido piruvico, il ciclo di Krebs e la fosforilazione ossidativa. Proprio l’abbondanza di mitocondri nel tessuto miocardico indica la rilevanza dell’ossigeno molecolare, e quindi del metabolismo ossidativo aerobio, come sua fonte energetica. Infatti, in condizioni basali, il metabolismo ossidativo di acidi grassi, glucosio e acido lattico fornisce al cardiomiocita l’energia di cui ha bisogno sotto forma di molecole di ATP (Canigiani S. & Volpini M., 2003).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

proteine
bag3
stress cardiovascolare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi