Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Sequestro Conservativo

Disamina dettagliata e pluridisciplinare (non solo processualcivilistica, ma anche penalistica e commerciale) dell'istituto del sequestro conservativo, tenendo conto dei suoi fondamenti, della ratio originaria e della successiva evoluzione legislativa.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il sequestro conservativo Pag. 1 Introduzione 1. Sequestro giudiziario e sequestro conservativo – sistemazione legislativa e norme in comune. Tra i provvedimenti cautelari più utilizzati nella quotidianità merita sicuramente di essere annoverato il sequestro, disciplinato nella sez. I del Capo III, Libro IV, del Codice di procedura civile. Al riguardo, occorre preliminarmente chiarire che l’istituto è analizzabile da due diversi punti di vista, coincidenti con i due tipi di sequestro cui fa ri- ferimento il codice di rito agli artt. 670 ss., e precisamente: a. Sequestro giudiziario, a sua volta scindibile in: o Sequestro cd. di beni: è tale, ai sensi dell’art. 670 n. 1, in fun- zione della fruttuosità dell’eventuale esecuzione diretta 1 . Oggetto del sequestro in parola sono «i beni mobili o immobili, le aziende o le altre universalità di beni, quando ne è controversa la proprietà o il possesso, ed è opportuno provvedere alla loro custodia o alla loro gestione temporanea» 2 . o Sequestro cd. di prove: rinvenibile nell’art. 670 n. 2, secondo cui «il giudice può autorizzare il sequestro (giudiziario) di beni, registri, documenti, modelli, campioni e ogni altra cosa da cui si pretende desumere elementi di prova, quando è controverso il dirit- to alla esibizione o alla comunicazione; ed è opportuno provvedere alla loro custodia temporanea». 1 MANDRIOLI, I sequestri, Torino, 2003, pagg. 283 ss. 2 La previsione che si tratti di beni suscettibili di detenzione, proprietà o possesso, fa sì che l’elencazione di cui all’art. 670 non coincida con quella contenuta negli artt. 812 ss. del codice civile; ne consegue, ad es., l’esclusione, dal provvedimento in esame, delle energie, dei crediti e delle quote di società a responsabilità limitata.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Saverio Cicala Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1755 click dal 08/10/2013.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.