Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mentoring e autostima

Oggetto di questo lavoro è l’intervento di mentoring applicato a diversi contesti, da quello sociale e scolastico a quello organizzativo e aziendale. Esso verrà concettualizzato come un intervento di sostegno e di supporto, attuato da un mentor nei confronti di un mentee, inteso non soltanto nel senso di una relazione statica, ma anche di un processo relazionale proattivo, generatore di cambiamento e di crescita. Concetto fondamentale sarà quello di autostima

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo I Il mentoring Di seguito si descriverà il concetto di mentoring in relazione alle sue caratteristiche e finalità operative, nonché alle sue specificità. Verranno, per questo, descritte anche le figure del mentor e del mentee, attori principali di una qualsiasi relazione di mentoring, in funzione sia dei loro compiti che delle loro singolarità. Sarà opportuno, in un ultimo paragrafo, differenziare l’intervento di sostegno di mentoring rispetto ad altre tipologie di intervento, quali il counseling, il tutoring e il coaching; tutto ciò al fine di delineare un ambito applicativo peculiare e caratteristico che verrà poi approfondito nei capitoli successivi. 1.1 Aspetti storici e definizione Il termine specifico di “mentoring” ha origine nell’Antica Grecia, e in particolare nella mitologia greca, dove Mentore era l’amico fidato di Ulisse, celebre eroe protagonista dell’Odissea di Omero. Nell’Odissea, infatti, prima di partire per Troia, Ulisse affidò proprio a Mentore la cura del suo unico figlio Telemaco. Mentore, così, assunse per quest’ultimo il ruolo di maestro/educatore, con l’obiettivo di renderlo il più simile possibile a suo padre in quanto a forza, valorosità e coraggio (Palazzi, 1990). Al di là della mitologia, le prime forme di mentoring si possono far risalire addirittura all’Età Primitiva dell’uomo, dove i mentori erano coloro che trasmettevano ai più giovani i valori della famiglia, i saperi della loro cultura e le principali conoscenze per contribuire all’evoluzione della propria civiltà.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Alice Niccià Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2625 click dal 04/10/2013.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.