Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La narrativa italiana all'indomani delle Lezioni Americane di Calvino

La letteratura italiana contemporanea viene analizzata attraverso la lente di ingrandimento calviniana, ovvero alla luce dei valori che Italo Calvino sperava fossero mantenuti nella letteratura del nuovo millennio, leggerezza rapidità esattezza visibilità e molteplicità. Segnatamente la ricerca dei valori di Calvino viene affrontata nell'opera prima di Tiziano Scarpa, "Occhi sulla Graticola", uno degli scrittori che meglio rappresenta la figura dell'autore postmoderno. Tutto il discorso ruota intorno al passaggio tra il modernismo e il postmodernismo, ed è in questo senso che, oltre a Italo Calvino, prendono parola Pierpaolo Pasolini, Gianni Vattimo, Remo Ceserani, e tutti quegli altri intellettuali che hanno partecipato al dibattito circa il significato del postmoderno all'interno della cultura e della letteratura italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Prefazione […] ci affacceremo al nuovo millennio, senza sperare di trovarvi nulla di più di quello che saremo capaci di portarvi. 1 A quindici anni dal nuovo millennio, Italo Calvino ha intenzione di dedicare cinque delle conferenze che dovrà tenere ad Harvard rispettivamente a leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità e molteplicità. Si tratta di cinque valori letterari che Calvino spera vengano conservati in letteratura, e se questi trovino ancora luogo, a trent’anni di distanza, nella narrativa contemporanea è la domanda che è stata posta alla base di questa tesi. Mi sembrava doveroso, prima di concentrarmi sul significato delle Lezioni Americane, mettere ordine all’interno del contesto culturale in cui queste Lezioni prendono forma. E ciò a maggior ragione nel momento in cui, come si vedrà, la portata dell’insegnamento di Calvino sarà da ricondursi non solo all’ambito letterario, ma a tutta la sfera culturale italiana e internazionale. Nella prima parte della tesi ho così cercato di mettere a fuoco i tratti più caratteristici della società contemporanea. Così, nell’intenzione di delineare i caratteri specifici dell’età postmoderna, nel primo capitolo il discorso prende spunto dalla “mutazione antropologica” di Pasolini; mi piaceva l’idea di affrontare le problematicità intorno al concetto di postmoderno prendendo in considerazione il pensiero di uno scrittore, Pasolini, in qualche modo tanto distante da Calvino, e nonostante ciò giungere ad una finale convergenza di pensiero tra i due: la società dei consumi ha messo in crisi alcuni valori fondamentali dell’uomo, e tra questi la proprietà del linguaggio, senza la quale sarebbe inconcepibile fare letteratura. Ed è proprio da questo presupposto, da questo timore, che nascono le “sei proposte”, i sei valori letterari, ma ancor prima esistenziali, che Italo Calvino si augura vengano conservati anche nel “prossimo millennio”. Nel secondo capitolo prende forma l’analisi dei valori delle Lezioni Americane, alla luce delle caratteristiche dell’età contemporanea in cui esse sorgono. Nell’ultimo capitolo ho cercato di trovare i valori di Calvino in un romanzo pubblicato nel 1996, Occhi sulla Graticola, opera prima di uno degli scrittori italiani oggi più affermati, Tiziano Scarpa, esponente di quella generazione cresciuta pienamente nella società 1 Italo Calvino, Lezioni Americane. Sei proposte per il prossimo millennio, Milano, Mondadori, 2000.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Dario Fugazzotto Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2042 click dal 09/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.