Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riforma degli ammortizzatori sociali. Sguardo comparato all'Unione Europea

Riforma del mercato del lavoro Monti - Fornero, riforma degli ammortizzatori sociali, analisi comparata ammortizzatori unione europea, condizionalità, fondi bilaterali, aspi e miniaspi.
In Italia l’ammortizzatore sociale che si è più sviluppato è la Cassa Integrazione Guadagni che consente di affrontare una situazione di ristrutturazione mantenendo il lavoratore occupato in attesa che passi la crisi. Questo tipo di ammortizzatore ha a che fare con una situazione di non lavoro, che in costanza di rapporto di lavoro potrebbe essere affidato alle parti; alla cosiddetta bilateralità possono essere affidate varie soluzioni del problema di una crisi temporanea dell’azienda : contratto di solidarietà, riduzione parziale del lavoro, part-time concordato. Così questo tipo di ammortizzatore non è universale, come l’indennità di disoccupazione, in quanto non ricopre tutto il mercato del lavoro nei casi di effettiva disoccupazione o di interruzione del rapporto di lavoro, ma comunque rientrano sempre nelle politiche passive. Dunque è bene che si sviluppi una strategia che favorisca lo sviluppo dei servizi per l’impiego e si allarghino le tutele superando difformità.
In conclusione il problema è che non si possono varare le riforme sociali e del lavoro in questo paese in una logica di guerra tra i poveri, rubandosi le risorse finanziarie tra un programma sociale e l’altro. Prima dobbiamo avere l’aumento dell’occupazione e un tasso di attività più alto, prima deve emergere il lavoro nero, prima bisogna aumentare il PIL e poi con un’economia in crescita e con entrate fiscali e contributive in crescita, sarà più facile creare un collegamento tra la difesa e le tutele sul posto di lavoro e la costruzione di un valido sistema di tutele al livello del mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Art.1 cost :“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro” Art.4 cost : “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo esercizio” Art.38 cost: “Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. La nostra Costituzione, frutto della volontà del popolo italiano del dopoguerra,nata per sancire in modo definitivo i diritti inviolabili del cittadino, è fonte preliminare di diritto del nostro ordinamento. Non è un caso che nell’art.1 i padri dell’Assemblea Costituente del 1947-1948 hanno voluto cristallizzare all’interno del primo articolo della Carta Fondamentale , il diritto al lavoro che diventa pertanto non solo fondamento ineludibile della Repubblica Italiana , ma anche espressamente fonte di sopravvivenza dell’individuo nella sua singolarità e della famiglia ,embrione della società. La tutela giuridica che la nostra Costituzione sancisce, non è legata solamente al mero e concreto esercizio lavorativo del soggetto giuridico , ma investe la persona sin dal compimento dell’età prestabilita da legge per l’attività lavorativa( i 16 anni di età) e fino alla sua estinzione( sistema pensionistico) e sancisce tra l’altro , la necessità che lo Stato adotti sistemi di mantenimento per il cittadino che riversa in disagevoli condizioni economiche o psicofisiche a causa o come conseguenza della perdita del lavoro. Analizzando,infatti, l’art 4 il lavoro non è semplicemente un’attività che concorre al «progresso» della società, ma costituisce la fonte di sostentamento dell’individuo. Nel corso degli anni si sono scontrati due indirizzi giurisprudenziali: uno ha fatto coincidere il primo comma dell’art. 4 con il diritto ad avere un posto di lavoro e a conservarlo; l’altro ha identificato il diritto al lavoro in un principio volto a vincolare le istituzioni e la collettività all’obiettivo programmatico di assicurare a ogni individuo lo svolgimento di un’attività idonea a consentirgli una dignitosa qualità di vita.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Cuomo Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4027 click dal 18/10/2013.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.