Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Andare avanti, tornare indietro, fermarsi, perdersi.'' La memoria 'inventiva' nella scrittura di Igiaba Scego

In questa tesi viene mostrato il percorso evolutivo della scrittura di Igiaba Scego ma soprattutto le modalità attraverso cui l'impiego della memoria rifluisce nelle sue opere; del come si presenta sin dagli esordi (una memoria "generazionale" "ancestrale" di atmosfera quasi fiabesca) sino agli ultimi romanzi dove diventa "referenziale" seppur accompagnata sempre da un tasso d'inventività.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Tra le molteplici voci che costellano la letteratura italiana contemporanea della migrazione, si staglia quella di Igiaba Scego, scrittrice italiana di origine somala “sospesa tra il fascino per le proprie radici e l’amore per la terra in cui è cresciuta” 1 . “E’ attraverso voci come la sua, che si colgono varietà linguistiche nuove ed è per questo suo doppio patrimonio culturale che la Scego è in grado di declinare la complessità del nostro presente arricchendo, con la sua scrittura polifonica, il panorama della letteratura italiana odierna,” 2 sottolinea Domenica Perrone. Sin dai primi interventi giornalistici su L’Unità, La Repubblica e Il Manifesto oltre che su riviste dedicate alla cultura migrante, tra cui El Ghibli, Internazionale, Migra, Nigrizia, emergono quelli che saranno i temi fondanti della sua scrittura, che ritornano più volte nelle sue narrazioni, declinati in maniera diversa. Il desiderio e la ricerca d’integrazione, il ricordo e il legame con la terra d’origine, la complessa questione dell’identità, multipla, impura, in costruzione, rifluiscono variamente modulati nell’invenzione narrativa. Muovendo dalla centralità tematica e poetica che la memoria, individuale, generazionale, storica, antropologica, riveste nella sua scrittura, si è scelto di ripercorrere attraverso l’indagine testuale, il percorso evolutivo di Igiaba Scego, dal racconto lungo di atmosfera 1 Risvolto di copertina di La mia casa è dove sono, Rizzoli, Milano, 2010. 2 D. Perrone, Oltre Babilonia, su www.lospecchiodicarta.unipa.it, aprile 2012.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Mormino Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1054 click dal 18/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.