Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione del processo acquisitivo e l'effetto esperienza

Le operazioni di merger and acquisistion (M&A) hanno caratterizzato, da sempre, le economie capitalistiche, ma le attuali strutture di mercato e le moderne dinamiche competitive ne hanno favorito un sempre maggior utilizzo, attualmente frenato solo
dalla congiuntura economica critica dell’economia mondiale.La globalizzazione dei mercati e delle imprese, gli intensi e continui sviluppi tecnologici, l’intensificazione della pressione competitiva (sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo) hanno spinto le imprese che vogliono mantenere/raggiungere posizioni di leadership nei propri mercati a cercare un continuo sviluppo della propria struttura in modo da dotarsi di quelle competenze e capacità che permettano di primeggiare anche nei nuovi e più agguerriti scenari competitivi. In questo contesto vanno inserite le operazioni di fusione ed acquisizione le quali, anche se diverse per finalità e modalità di attuazione, hanno in sé un significato strategico unitario: realizzare lo sviluppo dell’impresa avvalendosi di percorsi di crescita esterni alla stessa.
Il presente lavoro ha lo scopo di:
- evidenziare il trend storico e il quadro teorico del fenomeno acquisitivo;
- analizzare le principali fasi del processo acquisitivo;
- focalizzare le maggiori criticità del processo integrativo legate agli asset intangibili, l'effetto esperienza e l'impatto delle operazioni sulle performance delle acquirer;
- proporre un'analisi delle performance delle imprese acquirenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Le operazioni di merger and acquisistion (M&A) hanno caratterizzato, da sempre, le economie capitalistiche, ma le attuali strutture di mercato e le moderne dinamiche competitive ne hanno favorito un sempre maggior utilizzo, attualmente frenato solo dalla congiuntura economica critica dell’economia mondiale. L’ampio ricorso che si è fatto a questo tipo di operazioni è dovuto agli stessi fattori che hanno travolto le classiche logiche competitive e che hanno rivoluzionato i tradizionali e stabili assetti di mercato. La globalizzazione dei mercati e delle imprese, gli intensi e continui sviluppi tecnologici, l’intensificazione della pressione competitiva (sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo) hanno spinto le imprese che vogliono mantenere/raggiungere posizioni di leadership nei propri mercati a cercare un continuo sviluppo della propria struttura in modo da dotarsi di quelle competenze e capacità che permettano di primeggiare anche nei nuovi e più agguerriti scenari competitivi. In questo contesto vanno inserite le operazioni di fusione ed acquisizione le quali, anche se diverse per finalità e modalità di attuazione, hanno in sé un significato strategico unitario: realizzare lo sviluppo dell’impresa avvalendosi di percorsi di crescita esterni alla stessa. Dal punto di vista strategico si rende quindi necessaria un'approfondita analisi delle dinamiche insite a tali operazioni al fine di ottimizzarne la gestione e riuscire a sviluppare al massimo grado il loro potenziale generativo di valore. Tuttavia, questi processi sono estremamente complessi, delicati, rischiosi e dai risultati fortemente incerti e la loro corretta gestione richiede capacità e competenze specialistiche che, come dimostra l’elevata percentuale di insuccesso, non sempre si riscontrano nelle imprese. Date tali premesse, il presente lavoro ha l’obiettivo di analizzare gli aspetti teorici del fenomeno, evidenziarne gli elementi distintivi e critici, indagare il legame con le performance aziendali e proporre un case study centrata sulle imprese italiane. L'intera struttura del lavoro segue un percorso ben preciso: nel primo capitolo si presenta l'evoluzione storica del fenomeno, le teorie di base che, per prime, lo hanno indagato ed il contesto legislativo; in seguito viene individuata la prospettiva di indagine adottata nel prosieguo del lavoro, i cui concetti base rappresentano gli elementi fondamentali sui quali costruire le analisi di queste operazioni. Nel secondo capitolo si scompone l'intero processo acquisitivo nelle sue fasi principali, in modo da fornire un preciso schema di riferimento per l'individuazione dei diversi momenti

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Meoli Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1174 click dal 22/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.