Skip to content

La politica economica del governo Monti. Provvedimenti ed aspettative.

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Mangano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Rosalba Sbiroli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

La Tesi si propone di analizzare la politica economica adottata dal governo presieduto dal Prof. Mario Monti. L’argomento trattato riguarda un tema contemporaneo ed ancora attuale e, per scelta, l’analisi non contempla considerazioni di tipo politico ma descrive le decisioni del governo Monti unicamente da un punto di vista economico, finalizzato a “traghettare” il paese fuori da una condizione economica divenuta, per il verificarsi degli eventi, molto difficile. L’analisi ha inizio con una breve descrizione delle recenti crisi economiche mondiali e delle cause che hanno generato l’attuale difficoltà economico-finanziaria che sta attraversando il nostro paese, con particolare attenzione verso due problemi che caratterizzano l’Italia degli ultimi anni: l’enorme dimensione raggiunta dal debito pubblico e la scarsa propensione alla crescita del Prodotto Interno Lordo. L’attenzione mediatica che ha caratterizzato questa crisi ha contribuito a diffondere anche alcuni termini e meccanismi finanziari che, fino a pochi mesi fa, erano ignoti a gran parte dei cittadini italiani. Il riferimento è per lo” spread” tra titoli di Stato italiani e tedeschi, con durata decennale, a cui ho espressamente dedicato una buona parte (terzo paragrafo) del primo capitolo, poiché è tuttora un tema centrale e delicato della crisi ed influenza, inevitabilmente, le scelte di politica economica del governo italiano. Il campo di azione delle decisioni del governo Monti è caratterizzato da una forte interazione tra le indicazioni dell’ Unione Europea e della Banca Centrale Europea; Istituzioni che il Presidente del Consiglio ha conosciuto da vicino quando ricopriva il ruolo di Commissario Europeo e dalle quali gode di grande stima. La figura e la personalità del Presidente Mario Monti sono rappresentate nel secondo capitolo (primo paragrafo) e costituiscono un importante elemento riguardo le scelte ed i provvedimenti dell’esecutivo da lui presieduto. Il 17 Novembre 2011, Mario Monti, nel discorso di insediamento del suo governo, presso il Senato della Repubblica, dichiara che i pilastri su cui farà leva la sua azione saranno il rigore di bilancio, la crescita e l’equità. Il Governo Monti è il sessantunesimo della Repubblica Italiana ed è di tipo “tecnico”, cioè non è espressione della maggioranza parlamentare votata dal popolo italiano attraverso le elezioni politiche, ed egli stesso lo ha definito “Governo di impegno nazionale”. Tra i principali obiettivi che si prefigge l’esecutivo vi è anche quello di convincere gli investitori stranieri, detentori di grande quantità del nostro debito pubblico, che il nostro paese comincia a percorrere una strada che vuole condurre ad una riduzione graduale, ma durevole, del rapporto fra debito pubblico e prodotto interno lordo. Il primo provvedimento di politica economica del Governo Monti è il cosiddetto decreto “Salva-Italia” (Decreto Legge 6 dicembre 2011 , n. 201 - Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita' e il consolidamento dei conti pubblici.) e nasce dall’esigenza di fornire all’Europa e ai mercati, in tempi rapidissimi, un deciso segnale di rigore sui conti pubblici e rappresenta il biglietto da visita con cui l’esecutivo comincia il proprio operato. La manovra economica è molto decisa e prevede una correzione dei conti pubblici, per il triennio 2012-2014, da 30 miliardi di euro: 20 miliardi tra maggiori entrate e risparmi di spesa e 10 miliardi per interventi a favore della crescita, del lavoro e del sistema produttivo. Il decreto “Salva-Italia” si basa principalmente sul pilastro del rigore, per il proclamato impegno dell’esecutivo, e alcune norme sono inserite con l’intento di introdurre agli occhi dell’opinione pubblica, concentrata sui sacrifici che verranno, un segnale di svolta, e dovranno essere perfezionate al più presto con regole più definite. Si tratta di un testo con cifre blindate che vuole dimostrarsi all’altezza dei mercati finanziari e dell'Europa ed è lo schema di un programma di lavoro ambizioso che comprende poche misure definitive e lascia presagire nuovi interventi ed iniziative più radicali per risanare un Paese in grave difficoltà e consentirne la ripresa. Un altro caposaldo della politica economica del Governo Monti è rappresentato dalla riforma del sistema pensionistico con l’introduzione del calcolo contributivo per tutti. Con il decreto “Cresci-Italia”( Decreto-Legge 24 gennaio 2012, n. 1 - Misure urgenti in materia di concorrenza, liberalizzazioni e infrastrutture) il Governo Monti esprime uno dei maggiori tentativi di trasformazione strutturale dei rapporti economici in Italia e, nelle attese del Presidente del Consiglio, è finalizzato a generare conseguenze favorevoli per la crescita economica del Paese. Nel decreto ‘‘Cresci Italia’’ l’Esecutivo propone politiche di liberalizzazione delle attività economiche in una fase delicatissima della crisi economica al fine di produrre effetti propulsivi sulla crescita del Prodotto Interno Lordo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La Tesi si propone di analizzare la politica economica adottata dal governo presieduto dal Prof. Mario Monti. L’argomento trattato riguarda un tema contemporaneo ed ancora attuale e, per scelta, l’analisi non contempla considerazioni di tipo politico ma descrive le decisioni del governo Monti unicamente da un punto di vista economico, finalizzato a “traghettare” il paese fuori da una condizione economica divenuta, per il verificarsi degli eventi, molto difficile. L’analisi ha inizio con una breve descrizione delle recenti crisi economiche mondiali e delle cause che hanno generato l’attuale difficoltà economico-finanziaria che sta attraversando il nostro paese, con particolare attenzione verso due problemi che caratterizzano l’Italia degli ultimi anni: l’enorme dimensione raggiunta dal debito pubblico e la scarsa propensione alla crescita del Prodotto Interno Lordo. L’attenzione mediatica che ha caratterizzato questa crisi ha contribuito a diffondere anche alcuni termini e meccanismi finanziari che, fino a pochi mesi fa, erano ignoti a gran parte dei cittadini italiani. Il riferimento è per lo” spread” tra titoli di Stato italiani e tedeschi, con durata decennale, a cui ho espressamente dedicato una buona parte (terzo paragrafo) del primo capitolo, poiché è tuttora un tema centrale e delicato della crisi ed influenza, inevitabilmente, le scelte di politica economica del governo italiano. Il campo di azione delle decisioni del governo Monti è caratterizzato da una forte interazione tra le indicazioni dell’ Unione Europea e della Banca Centrale Europea; Istituzioni che il Presidente del Consiglio ha conosciuto da vicino quando ricopriva il ruolo di Commissario Europeo e dalle quali gode di grande stima.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
politica economica
crisi
spread
spending review
governo tecnico
governo monti
salva italia
cresci italia
olimpiadi roma 2020

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi