Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La povertà come privazione di libertà nel pensiero di Amartya Sen

Povertà come privazione di libertà individuale: questo è l'importante messaggio che Amartya Sen ha dato e continua a dare attraverso i suoi numerosi scritti. Ed è proprio sull'analisi di questo messaggio che si basa questa tesi, volta a mostrare come, di fatto, essere poveri significhi, non tanto avere scarsi mezzi economici, quanto, piuttosto non avere la capacità di sviluppare la propria individualità, di impedire che il vivere si trasformi in un ''sopravvivere''. In questo senso la riflessione sulla povertà induce ad esaminare temi quali il significato dell'economia di mercato, l'importanza ed il valore della democrazia, il perpetrarsi di assurde discriminazioni di genere, il ruolo che lo stato deve avere nella nostra società civile.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Uno dei più gravi problemi su cui, soprattutto negli ultimi trent’anni, si sono confrontate le organizzazioni internazionali, le varie istituzioni ed il mondo accademico, è il dramma della povertà, fenomeno sociale, sicuramente, non nuovo, la cui estensione e persistenza non può – sia per ragioni di stabilità economica, politica e sociale, che per motivi più strettamente etici e di responsabilità civile – lasciarci indifferenti. I molti sforzi e le ingenti risorse che sono state impiegate – a seguito dei dibattiti concettuali – per contrastare questa sconcertante realtà non hanno, tuttavia, portato risultati molto incoraggianti: basti pensare, per esempio, che ben il 57% dei progetti avviati dalla Banca Mondiale nel corso degli anni novanta non hanno prodotto gli effetti desiderati 1 e che i cospicui investimenti destinati a risanare, soprattutto in alcuni paesi sottosviluppati, il tessuto produttivo tradizionale hanno, talvolta, peggiorato lo status quo ante, aggravando ulteriormente le già precarie condizioni di sicurezza sociale. Inoltre, anche i tentativi di espandere la disponibilità delle risorse necessarie allo sviluppo economico in termini sia di capitale fisico che umano, informativo e sociale, non hanno avuto, nella maggior parte dei casi, esito positivo. 1 Si veda l’articolo sulla lotta globale alla povertà di Alberto Piatti, pubblicato su Il Sole 24 ore del 20 settembre 2000 (Piatti 2000).

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesca Pratali Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9993 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.