Skip to content

Bufala 2.0, l'inganno nella comunicazione online

Informazioni tesi

  Autore: Marta Biacca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: scienze per la comunicazione internazionale
  Relatore: Fabio Chisari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Una delle più grandi rivoluzioni del nostro tempo è stata sicuramente la nascita di Internet. La rete ha profondamente modificato il modo in cui vengono prodotte e ricevute le informazioni, se prima quest’ultime erano veicolate in modo quasi esclusivo dai professionisti del settore dei media, oggi chiunque può diventare prosumer, ovvero essere al contempo produttore e consumatore. Questo lavoro mira a mettere in luce l’aspetto ingannevole della comunicazione, le notizie viaggiando in tempo reale ed essendosi moltiplicate, diventano sempre meno controllabili, di conseguenza è facile che un numero sempre crescente di quest’ultime risulti falso.
La prima parte sottopone all’attenzione del lettore una casistica variegata delle cosiddette “bufale” che vengono divulgate attraverso i diversi mezzi di comunicazione. Citeremo, infatti, esempi d’inganni avvenuti per mezzo della radio, della televisione e del giornale esaminandone alcuni tra i più importanti, partendo dal clamoroso caso de “La guerra dei mondi “ di Orson Welles, fino ad arrivare alla recentissima bufala di Fuotshi Toba pubblicata nel 2011 sul giornale La Repubblica.
Nella seconda parte dopo una sessione in cui descriveremo quelle che sono le caratteristiche del Web 2.0 e in particolare dei cosiddetti Social Network, presenteremo un’accurata analisi degli inganni che avvengono sul Web 2.0., tratteremo le differenti modalità di creazione della falsa notizia che non viene più prodotta da giornalisti e professionisti dei media, ma dagli utenti stessi. A tal proposito illustreremo i siti creatori di bufale, citandone tra i più importanti e metteremo poi in evidenza esempi d’inganni su YouTube e nel mondo del Web 2.0.
Per concludere ci interrogheremo su quanto veramente la grande rivoluzione del Web 2.0 abbia influenzato positivamente il flusso informativo e valuteremo attentamente gli aspetti positivi e negativi che questo grande cambiamento ha avuto sulla società dell’informazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO I “L’inganno e la bufala nella comunicazione di massa” “Il termine bufala può indicare in lingua italiana un'affermazione falsa o inverosimile. Può perciò essere volta ad ingannare il pubblico, presentando deliberatamente per reale qualcosa di falso o artefatto. In alcuni casi si prefigura il reato di truffa, in quanto l'autore, o gli autori, procurano per sé o per altri un ingiusto profitto a scapito delle vittime”. 1 L’affidabilità delle informazioni che ogni giorno riceviamo attraverso i media non è mai stata certa al cento per cento, in particolare con l’avvento di internet si quadruplica il numero d’informazioni in cui ogni giorno ci troviamo immersi, di conseguenza si moltiplicano le possibilità che queste possano essere false. I “fake”, a volte creati per un semplice errore, altre volte per motivi di marketing o per organizzare vere e proprie truffe, esistono da sempre. Le bufale nate su internet arrivano fino alle pagine dei giornali, alle reti televisive e radiofoniche. È vero che sono ormai lontani i tempi in cui su Internet circolavano strorie come quella dei “Bonsai Kitten”, con relativo sito che spiegava come trasformare i gattini in Bonsai viventi; ai tempi lo scherzo venne preso come serio da Il Messaggero, che nel gennaio 2001 dedicò la prima pagina all’accaduto, e da un parlamentare dei Verdi che presentò un esposto in merito. 2 O ancora il caso americano di “Hunting for Bambi”, che fu oggetto di un indignato articolo pubblicato su Repubblica.it nel 2003; circolava infatti la storia che avvenenti ragazze, pagate da un famoso organizzatore di safari per correre nude nei dintorni de Las Vegas, si divertissero a farsi catturare come cerbiatte da cacciatori armati di fucili caricati con pallottole di vernice. 3 Per citarne ancora ricorderemo il presunto attentato a Bill Gates, riportato inizialmente in veste di burla sul sito Clarence 4 e in seguito diffusosi su molti giornali web italiani e troviamo perfino la falsa morte del Papa 5 . La “famosa” e mai 1 http://it.wikipedia.org/wiki/Bufala_(burla). 2 Fabio Metitieri ,Il Grande Inganno del Web 2.0, Laterza, 2009, pag.15 3 Vedi:http://www.huntingforbambi.com/ o Metitieri, Il Grande inganno …, pag.16 4 www.clarence.com 5 http://www.guerrigliamarketing.it/intelligence/disinformation.htm

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi