Skip to content

Il licenziamento: dinamiche psicosociali e strategie di coping

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Pozzuto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità
  Relatore: Rosa Scardigno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

Il presente lavoro di tesi ha l’obiettivo di illustrare le principali dinamiche psicosociali connesse al licenziamento, secondo le prospettive teorica ed empirica. La parte teorica si sofferma sulla situazione “antecedente” il licenziamento e su quella “successiva”, esaminando rispettivamente le possibili cause e gli effetti della perdita del lavoro. La seconda parte consiste, invece, in una ricerca empirica che approfondisce il costrutto teorico delle strategie di coping.
Dal punto di vista psicosociale, si può considerare il licenziamento sia come una conseguenza di comportamenti errati e scorretti attuati da una delle parti sia come un evento generatore di effetti psicologici.
In quest’ottica, il licenziamento consiste in una “transizione psicosociale”, ossia in un passaggio improvviso dalla fase di occupazione a quella di disoccupazione e sancisce anche l’interruzione della possibilità di esercitare una condotta lavorativa. Inoltre, esso è la possibile conseguenza di una violazione di un “contratto psicologico” da parte di una delle parti, ossia di un rapporto di fiducia reciproca che presuppone la soddisfazione delle aspettative delle parti in gioco. Il licenziamento può infine essere considerato esito di una “socializzazione non riuscita”, che si verifica nel caso in cui l’inserimento graduale del lavoratore non abbia prodotto buoni esiti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La ragione che sta alla base della scelta del licenziamento come oggetto di studio del presente lavoro è legata principalmente ad un evento che ha lasciato il segno sul mercato del lavoro regionale. Negli ultimi mesi del 2010 la Regione Molise ha deciso di limitare le sovvenzioni per i trasporti pubblici (delibera 771), costringendo le tre ditte principali molisane di trasporto di linea (SATI, Molise Trasporti e Larivera, oggi raggruppate in una sola azienda, la ATM) a licenziare per motivi economici molti dei propri dipendenti. Questo evento tuttavia è soltanto di uno dei tanti che caratterizzano l’attuale mercato del lavoro italiano. Infatti, a causa dell’attuale crisi economica, i licenziamenti per motivi economici sono in generale sempre più frequenti e i posti fissi diventano sempre di più un’utopia, soprattutto per i giovani. Le aziende, anche quando hanno ancora la forza di rimanere sul mercato, sono talvolta costrette a ridurre il proprio personale per diminuire i costi o per risorse economiche non sufficienti (come nel caso dei trasporti molisani), favorendo la crescita della disoccupazione. Una ricerca dell’ISTAT (2012) ha rilevato infatti che nei primi tre mesi dell’anno in corso il tasso di disoccupazione è del 10,9%, il più alto dal 1999. Per questa ragione il licenziamento è una tematica molto attuale e anche il recente dibattito sulla riforma del mercato del lavoro e sull’art.18 dello Statuto dei Lavoratori lo dimostra. Quella di oggi è una società in cui le certezze sono poche, dato che trovare un lavoro e mantenerlo non è facile. Questa realtà danneggerebbe la persona non solo dal lato economico-finanziario, ma anche da quello psicologico. Queste ragioni hanno spinto a scegliere la psicologia del lavoro come contesto disciplinare di analisi. Il presente lavoro ha l’obiettivo di rilevare, in materia di psicologia del lavoro, alcune dimensioni e dinamiche psicosociali connesse al

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
psicologia
licenziamento
stress
effetti
cause
lavoratore
disoccupazione
mobbing
coping
bossing
downsizing
burnout
licenziato
job insecurity
sindrome del sopravvissuto
modello di cooper e marshall

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi