Skip to content

I finanziamenti alle confessioni religiose in Italia ed in Europa

Informazioni tesi

  Autore: Adele Iacoviello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maria Cristina Folliero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Lo scopo del presente elaborato è quello di fornire un quadro generale del funzionamento dei sistemi di finanziamento alle confessioni religiose presenti in tutto il territorio europeo.
L'interesse verso l'argomento è di più stretta attualità considerando che, con l'allargamento dell'Unione Europea e grazie alla volontà delle sue istituzioni, si assiste ad una convivenza sempre più stretta tra diverse culture, costumi e quindi religioni, le cui caratteristiche possono essere a volte molto dissimili tra loro.
In particolare, l'appartenenza ad uno specifico credo religioso rappresenta uno dei modi in cui si esprime l'unicità dell'essere umano ed è per questo motivo che in quasi tutte le Costituzioni dei Paesi membri dell'Unione, preoccupate di assicurare il libero godimento di diritti civili, è presente un riferimento alla protezione e alla promozione della libertà di esprimere l'adesione alla propria fede.
Il tema del finanziamento alle religioni, infatti, si lega strettamente ai rapporti che gli Stati nel tempo hanno intrattenuto con le religioni presenti sul proprio territorio: per questo motivo nel primo capitolo, si evidenzieranno proprio le caratteristiche di tali rapporti, perché se è vero che esiste un substrato comune di principi, è vero anche che ciascun Paese Europeo ha alle sue spalle una storia ed un'evoluzione specifica che inevitabilmente, implica differenze nell'interpretazione e nell'applicazione di tali concetti.
A questo proposito quindi, si tracceranno brevemente le caratteristiche dei diversi modelli di relazione tra Stato e Chiese, partendo dall'unionismo, nelle sue ulteriori distinzioni del cesaropapismo, della teocrazia e del giurisdizionalismo; ci si occuperà poi del modello separatista e del modello concordatario.
I rapporti Stato-Chiese però, possono essere studiati anche in base al grado di sottomissione dell'uno rispetto all'altro, per cui si analizzeranno brevemente anche i sistemi di subordinazione, di separazione e di coordinazione.
Sarà evidente che ciascun Paese può essere ricondotto ad uno di tali sistemi, anche se di base tutti aderiscono al principio del pieno riconoscimento dell'autodeterminazione in materia religiosa, che stabilisce a sua volta l'illiceità di una qualsiasi diminuzione della libertà in questa materia, anche in considerazione del rispetto di quei diritti fondamentali qualificanti l'assetto democratico di una Nazione, di cui le modalità di manifestazione della religiosità sono espressione.
Se quindi, il compito di uno Stato sociale è quello di promuovere le libertà individuali e di essere promotore degli ambiti in cui tali libertà si possono esplicare, garantire e sostenere ,il diritto alla libertà religiosa significa anche predisporre quanto è necessario per il sostentamento finanziario degli enti di culto.
Prima però di affrontare specificamente in che modo gli Stati finanziano le Chiese, ci si soffermerà sulle motivazioni storiche che hanno determinato tale necessità: si parlerà della legislazione eversiva del patrimonio ecclesiastico emanata intorno all'Ottocento e delle sue conseguenze e si esamineranno i metodi di sostentamento del clero, come l'assegno di congrua.
La trattazione non potrebbe essere considerata esaustiva se non si considerasse, in particolare nel nostro ordinamento, i principi costituzionali chiamati a sostenere le motivazioni del finanziamento statale alle religioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Lo scopo del presente elaborato è quello di fornire un quadro generale del funzionamento dei sistemi di finanziamento alle confessioni religiose presenti in tutto il territorio europeo. L’interesse verso l’argomento è di più stretta attualità considerando che, con l’allargamento dell’Unione Europea e grazie alla volontà delle sue istituzioni, si assiste ad una convivenza sempre più stretta tra diverse culture, costumi e quindi religioni, le cui caratteristiche possono essere a volte molto dissimili tra loro. In particolare, l’appartenenza ad uno specifico credo religioso rappresenta uno dei modi in cui si esprime l’unicità dell’essere umano ed è per questo motivo che in quasi tutte le Costituzioni dei Paesi membri dell’Unione, preoccupate di assicurare il libero godimento di diritti civili, è presente un riferimento alla protezione e alla promozione della libertà di esprimere l’adesione alla propria fede. Il tema del finanziamento alle religioni, infatti, si lega strettamente ai rapporti che gli Stati nel tempo hanno intrattenuto con le religioni presenti sul proprio territorio: per questo motivo nel primo capitolo, si evidenzieranno proprio le caratteristiche di tali rapporti, perché se è vero che esiste un substrato comune di principi, è vero anche che ciascun Paese Europeo ha alle sue spalle una storia ed un’evoluzione specifica che inevitabilmente, implica differenze nell’interpretazione e nell’applicazione di tali concetti. A questo proposito quindi, si tracceranno brevemente le caratteristiche dei diversi modelli di relazione tra Stato e Chiese, partendo dall’unionismo, nelle sue ulteriori distinzioni del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regno unito
finanziamento
confessioni religiose
diritto europeo
religioni
clero
agevolazioni tributarie
rapporto stato e religione
finanziamento alle confessioni religiose
sostentamento
tassa ecclesiastica
asignación tributaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi