Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mito e attualità nelle odi pindariche per Cromio di Etna (N. 1 e N. 9)

Il presente lavoro ha cercato di proporre un’interpretazione delle due odi dedicate a Cromio di Etna, la Nemea prima e la Nemea Nona, che Pindaro compose nell’arco centrale della sua parabola artistica, partendo dal testo e tratteggiando quelli che dovevano essere gli intenti e i messaggi che il poeta dovette affidare alle sue odi, con specifico interesse per i temi mitici da lui proposti, selezionati, rielaborati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione L’età greca arcaica e tutto l’universo degli antichi valori tradizionali, ormai seriamente minacciati dal trascorrere del tempo e dal mutare delle contingenze sto- richeepolitiche,trovanolalorodegnaconclusioneeun’ultima,eleganteespressione nella poesia pindarica. Pindaro, restando pressoché immune a quel mutamento di sentimenti che si compiva intorno a lui, appare infatti un poeta di un passato di cui rispecchia fedelmente l’etica e il pensiero; nelle sue idee e forme, l’ideale arcaico si realizza, in un estremo respiro, ancora vivido e fecondo. Per lungo tempo, la complessità del suo poetare è valsa a Pindaro l’accusa di oscu- rità. Oggi, alla luce di un secolare cammino di lettura e critica, siamo in grado di scorgere, attraverso l’arditezza dei suoi nessi, lo studio delle sue scelte e l’accu- ratezza del suo linguaggio, la forza poetica in cui culminano due secoli della vita greca. Il presente lavoro ha cercato di proporre un’interpretazione delle due odi dedicate a Cromio di Etna, la Nemea prima e la Nemea Nona, che Pindaro compose nell’arco centrale della sua parabola artistica, partendo dal testo e tratteggiando quelli che dovevanoesseregliintentieimessaggicheilpoetadovetteaffidareallesueodi, con specifico interesse per i temi mitici da lui proposti, selezionati, rielaborati. Nelle parole di Fränkel, “La poesia di Pindaro è un brano di vita; essa serve alla vita e vive della vita attuale e di quella passata. Ma non pensa di accettare la realtà così com’è e di ritrarla nella sua ricchezza e nella sua forma naturali. Ciò che essa ripropone è selezionato con critica rigorosa e preparato con un’arte altamente spe- cializzata” 1 . 1 Fränkel 1969 3 , tradotto da C. Gentili 1997, pag. 697. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Elisabetta De Luca Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 282 click dal 08/11/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.