Skip to content

Libertà sulla carta. Per una visione d’insieme sul condizionamento dell’informazione in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Giagnoni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Paolo  Castiglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

Le motivazioni che mi hanno spinto ad affrontare un tema così spinoso e complesso come la libertà dell’informazione nella nostra nazione sono ogni giorno davanti agli occhi di tutti, ma probabilmente se ne parla così poco - sicuramente non in maniera sufficiente - che passano in secondo piano nella discussione pubblica del paese delle emergenze.
Chi affronta seriamente il problema si sente spesso ripetere che in Italia la libertà di stampa è presente in abbondanza e chi non la pensa così è cieco e/o interessato. Soprassedendo sulla prevaricazione di questo modo di ragionare escludente qualsiasi dissenso, viene da chiedersi allora perché accadano molte delle cose di cui veniamo a conoscenza, perché seri professionisti dell’informazione si vedono costretti ad abbandonare il proprio ruolo e carriera, per esempio.
Ritengo sia doveroso per chi si appresta a muovere i primi passi in questo campo affrontare prioritariamente le problematiche legate al margine di manovra concesso a chi usa la penna per mestiere, quasi propedeutico alla professione giornalistica.
Il taglio che ho scelto per questa dissertazione, che è necessariamente una panoramica a volo d’uccello, uno spunto di cui potrebbero essere approfondite singole parti in maniera più circostanziata, è di storia del giornalismo. Ho dato qualche cenno delle origini liberali ottocentesche prima di concentrarmi sulla censura di stato fascista, per poi attraversare tutto il lungo periodo democristiano, concludendo con l’epoca berlusconiana nella cui propaggine finale gestita dai tecnici imposti da Giorgio Napolitano ancora stiamo vivendo.
In particolare ho fatto riferimento a tutti quegli eventi ed episodi che ho ritenuto significativi nell’ottica di mettere in risalto le limitazioni e le negazioni che la libertà dell’informazione ha di volta in volta subito in ambito giornalistico, televisivo, radiofonico, ma anche in opere letterarie e cinematografiche.
L’intento rimane quindi quello di tratteggiare più chiaramente i limiti oggettivi di ciò che è pubblicabile in Italia, sempre più angusti di questi tempi soprattutto in ambito politico. Sempre più simile a un campo minato battuto da una guerriglia per bande in cui il diritto di informare è svilito in propaganda politica, sia che si decomponga volutamente in essa, come negli house organs partitici, sia che porti alla luce notizie scomode, quindi deprecabili (per chi è coinvolto) e ascrivibili alle intenzionalità dell’avversario, sotto forma di attacco proditorio per interposta testata.
Per un ritorno a un giornalismo dei fatti, si è voluto affrontare un argomento così deontologicamente fondamentale. In qualche modo rappresenta una sorta di prima difesa della libertà di informare, una buona dose di anticorpi, poiché anche solo scorrendo una relazione diacronica dei vari modi con cui si è cercato di imbavagliare il libero pensiero si è più in guardia contro di essi e contro quelli che verranno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le motivazioni che mi hanno spinto ad affrontare un tema così spinoso e complesso come la libertà dell’informazione nella nostra nazione sono ogni giorno davanti agli occhi di tutti, ma probabilmente se ne parla così poco - sicuramente non in maniera sufficiente - che passano in secondo piano nella discussione pubblica del paese delle emergenze. Coloro che affrontano seriamente il problema si sentono spesso ripetere che in Italia la libertà di stampa è presente in abbondanza, chi non la pensa così è cieco e/o interessato. Glissando sulla prevaricazione di questo modo di ragionare escludente qualsiasi dissenso, ci si chiede allora perché accadano molte delle cose di cui siamo troppo spesso passivi spettatori, perché seri professionisti dell’informazione si vedono costretti ad abbandonare il proprio ruolo e la carriera, per esempio. Ritengo sia doveroso per chi si appresta a muovere i primi passi in questo campo affrontare prioritariamente le problematiche legate al margine di manovra concesso a chi usa la penna per mestiere, quasi un atto propedeutico alla professione giornalistica tout court. Il taglio che ho scelto per questa dissertazione, che è necessariamente una panoramica a volo d’uccello, uno spunto di cui potrebbero essere approfondite singole parti in maniera più circostanziata, è di storia del giornalismo. Ho dato qualche cenno delle origini liberali ottocentesche prima di concentrarmi sulla censura di stato fascista, per poi attraversare tutto il lungo, grigio periodo democristiano, concludendo con l’era berlusconiana nella cui propaggine finale gestita da tecnici imposti dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano stiamo ancora vivendo. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi