Skip to content

La capacità di carico turistica per le aree protette: un' analisi del territorio del Parco Adamello

Informazioni tesi

  Autore: Simona Ghidini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche per l'ambiente e la cultura
  Relatore: RobertaRaffaelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 219

Il presente lavoro deriva da un desiderio personale di esplorare più a fondo il concetto di capacità di carico, di cui spesso si sente parlare, ma difficilmente si conosce il vero significato.
Per molte destinazioni turistiche è frequente sentire affermazioni, quali “la capacità di carico è stata superata” o “la situazione è insostenibile”, ma spesso, seppur legittime, sono più espressioni forti e d’impatto, che considerazioni supportate da un vero e proprio studio dell’area. Da qui la necessità di comprendere come poter determinare la capacità di carico e acquisire in tal modo una maggiore consapevolezza. In particolare si è scelto di approfondire tale concetto in relazione alle aree protette, le più fragili e sensibili al fenomeno turistico, e di analizzare il territorio del Parco Adamello, situato nella zona nord-orientale della provincia di Brescia, al fine di cercare di porre delle solide basi per una possibile valutazione della capacità di carico turistica.
Il lavoro è stato suddiviso in tre capitoli.
Nel primo viene esplorato il concetto di capacità di carico, dalle origini alla sua applicazione ai parchi e alle aree protette. In particolare sono stati individuati e descritti gli approcci di ricerca che supportano l’applicazione della capacità di carico più frequentemente adottati nei parchi e nelle aree protette, con alcuni relativi casi di studio. Tali approcci si focalizzano principalmente sulla valutazione della qualità dell’esperienza dei visitatori e la protezione delle risorse (VERP) e sui limiti di cambiamento accettabile (LAC).
Nel secondo capitolo, si applica il concetto di capacità di carico al turismo, definendola in base alle sue tre componenti fondamentali: ambientale, sociale ed economica. In particolare viene presa in considerazione la metodologia di valutazione adottata dall’UNEP (Programma Ambientale delle Nazioni Unite), analizzata nelle sue fasi salienti con riferimento anche ad alcuni casi di studio. Essa pone l’accento sulla determinazione di scenari di sviluppo futuro dell’area in esame e sull’individuazione di relativi indicatori. Non avendo tale metodologia ancora trovato applicazione in un parco, si è cercato di individuare quali aspetti è importante considerare in un simile caso. Inoltre, dato che la capacità di carico turistica è fortemente legata al concetto di sostenibilità, si è ritenuto opportuno prendere in considerazione uno strumento attualmente importante nel favorire il raggiungimento di una sostenibilità turistica nelle aree protette, ovvero la Carta Europea per il Turismo Sostenibile, al fine di valutare quale contributo è in grado di fornire alla determinazione della capacità di carico turistica secondo la metodologia UNEP.
Nel terzo capitolo si passa ad analizzare un caso concreto, esplorando il territorio del Parco Adamello. Tale territorio viene suddiviso in tre aree principali, poiché interessate da caratteristiche differenti in relazione allo sviluppo turistico: Area dell’Alta Valle Camonica, Area di Medio Parco e Area Meridionale del Parco. Seguendo l’approccio adottato dall’UNEP nell’individuare possibili scenari di sviluppo futuro e relativi indicatori, il lavoro si è sviluppato nel modo seguente. Inizialmente è stato analizzato il territorio riguardo a caratteristiche socio-demografiche ed economiche ponendo l’accento in particolare sullo sviluppo turistico dell’area. Essendo già in atto sul territorio un processo di adesione alla Carta Europea per il Turismo Sostenibile, si è cercato di utilizzare le informazioni ricavate in tale contesto e frutto della condivisione tra gli stakeholders, al fine di individuare se e come tali informazioni potessero essere utili per il procedimento di valutazione della capacità di carico turistica secondo la metodologia UNEP. In proposito si è fatto riferimento al documento “Strategie e Piano d’Azioni” realizzato a cura della Comunità Montana di Valle Camonica, l’ente gestore del Parco, e tale analisi ha permesso di definire alcuni possibili scenari. Successivamente sono stati analizzati gli indicatori individuati dal Parco Adamello e calcolati e analizzati gli indicatori mancanti, ritenuti importanti in base alle criticità riscontrate sul territorio. Come ultimo passo si è cercato di riconsiderare gli scenari alla luce degli indicatori, scegliendo quelli che si ritiene possano mettere in evidenza le maggiori criticità presenti e future. Tale operazione è stata applicata ad ognuno degli scenari per individuare se siano in grado di consentire uno sviluppo sostenibile del turismo e se si adattino alle caratteristiche del territorio del Parco Adamello.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
13 Introduzione Il presente lavoro deriva da un desiderio personale di esplorare più a fondo il concetto di capacità di carico, di cui spesso si sente parlare, ma difficilmente si conosce il vero significato. Per molte destinazioni turistiche è frequente sentire affermazioni, quali “la capacità di carico è stata superata” o “la situazione è insostenibile”, ma spesso, seppur legittime, sono più espressioni forti e d’impatto, che considerazioni supportate da un vero e proprio studio dell’area. Da qui la necessità di comprendere come poter determinare la capacità di carico e acquisire in tal modo una maggiore consapevolezza. In particolare si è scelto di approfondire tale concetto in relazione alle aree protette, le più fragili e sensibili al fenomeno turistico, e di analizzare il territorio del Parco Adamello, situato nella zona nord-orientale della provincia di Brescia, al fine di cercare di porre delle solide basi per una possibile valutazione della capacità di carico turistica. Il lavoro è stato suddiviso in tre capitoli. Nel primo viene esplorato il concetto di capacità di carico, dalle origini alla sua applicazione ai parchi e alle aree protette. In particolare sono stati individuati e descritti gli approcci di ricerca che supportano l’applicazione della capacità di carico più frequentemente adottati nei parchi e nelle aree protette, con alcuni relativi casi di studio. Tali approcci si focalizzano principalmente sulla valutazione della qualità dell’esperienza dei visitatori e la protezione delle risorse (VERP) e sui limiti di cambiamento accettabile (LAC). Nel secondo capitolo, si applica il concetto di capacità di carico al turismo, definendola in base alle sue tre componenti fondamentali: ambientale, sociale ed economica. In particolare viene presa in considerazione la metodologia di valutazione adottata dall’UNEP (Programma Ambientale delle Nazioni Unite), analizzata nelle sue fasi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
turismo
parchi naturali
aree protette
turismo sostenibile
valle camonica
capacità di carico turistica
parco adamello
indicatori sociali
indicatori ambientali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi