Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'organizzazione di un evento fieristico nell'ambito dell'economia delle esperienze: il caso "My Special Car Show"

La tesi in oggetto tratta in generale del settore fierisitico e dell’organizzazione di un evento espositivo, vista nell’ambito dell’economia delle esperienze.
Dopo aver tracciato un quadro generale sul settore fieristico e sulla sua storia, si delinea il ruolo particolare occupato dalla fiera nell’ambito del settore dei servizi, con particolare attenzione all’offerta di qualità integrata lungo tutto il processo.
Si delineano poi le diverse possibilità di esperienzializzare la fiera tradizionale, in un contesto economico e sociale sempre più votato all’esperienza. Una veloce disamina del turismo fieristico, è preludio alla conclusione del lavoro, consistente nell’analisi di una tipica fiera leisure, perfettamente inserita nell’economia delle esperienze: il “My Special Car Show”, svoltosi dal 2 al 4 Aprile 2004 presso i locali di Rimini Fiera.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione VII INTRODUZIONE Le manifestazioni fieristiche moderne assumono un’importanza molto particolare nell’attuale panorama economico-sociale, ribadendo il loro assoluto valore nel marketing mix di qualsiasi azienda, di fronte alle nuove possibilità di comunicazione e di marketing relazionale offerte dalle nuove tecnologie. La fiera infatti rappresenta un importante momento di incontro sia con gli attori principali che operano sulla scena di un determinato settore, sia con il target di riferimento, allargando la propria influenza a tutto il mercato, grazie alla visibilità mediatica garantita dalle moderne manifestazioni, soprattutto quando ci riferiamo alle fiere consumer. Essere presenti ad una determinata manifestazione, vuol dire comunicare l’evoluzione e la crescita della propria attività; non esserci potrebbe trasmettere segnali decisamente negativi al pubblico ed agli operatori intervenuti. Le moderne rassegne espositive sono ben diverse dalle prime antiche fiere di merci, che si risolvevano in una concentrazione degli scambi commerciali in un dato periodo, nello stesso luogo: sono più di una piazza commerciale, più di una vetrina espositiva, ma divengono dei veicoli importantissimi di trasmissione e raccolta di informazioni, in un contesto di interattività con i vari interlocutori, che non possiamo ritrovare in nessun altro strumento del marketing mix. Oggi la fiera sta decisamente attraversando una ulteriore fase di transizione e di sviluppo, che va ben al di là della pur sempre maggiore specializzazione che contraddistingue le moderne manifestazioni; è un passaggio epocale che la porterà ad assumere delle caratteristiche assolutamente peculiari, tali da ridisegnare la fiera così come l’abbiamo concepita sino ad ora; è un progresso che possiamo ravvisare in diversi ambiti dell’economia, ma il settore espositivo è certamente quello in cui questo cambiamento si è evidenziato prima e dove si delinea con maggiore chiarezza già da adesso: è il passaggio dell’economia del servizio, all’economia delle esperienze.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Vitali Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2072 click dal 26/11/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.