Skip to content

Il principio di materialità nei report di sostenibilità: confronto tra IR, AA1000 e GRI

Informazioni tesi

Autore: Luca Mion
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
Facoltà: Economia
Corso: Economia e Gestione delle Aziende
Relatore: ChiaraMio
Lingua: Italiano
Num. pagine: 223

La tesi tratta il principio di materiality nella prospettiva della rendicontazione integrata. Si tratta di un argomento attuale che sta interessando il mondo del business e dell’accounting. Il report integrato costituisce un approccio innovativo al reporting aziendale, vuol infatti riunire in un unico documento tutte le informazioni economico-finanziarie e di sostenibilità allo scopo di fornire una prospettiva completa dell’organizzazione. Tramite questo si vogliono fornire agli stakeholder tutte le informazioni di cui necessitano per poter agire in maniera informata.
Nella prima parte della tesi si evidenzierà come il concetto di materiality sia stato concepito e delineato all’interno dei principali framework proposti per la rendicontazione integrata. Emergerà fin da subito la sua centralità in questi e si comprenderà come esso sia essenziale al fine di redigere un report integrato di qualità. Si analizzerà quindi come la materiality è definita all’interno dell’ AA1000, del GRI e dell’Integrated Reporting, riportando anche i suggerimenti espressi da questi in merito alla determinazione pratica degli aspetti material.
Nella seconda parte si effettuerà un’analisi con la quale si confronta sia a livello concettuale, sia di processo pratico ciò che i framework analizzati propongono. Inoltre, in tale analisi si evidenzierà come il concetto di materiality si sia evoluto da quando questo era di uso esclusivo del financial statement fino alla sua introduzione nel report integrato.
Infine si analizzeranno i report integrati delle aziende che hanno aderito al Pilote Programme dell’IIRC al fine di individuare come queste considerano la materiality, nonché le variabili che influenzano il grado di approfondimento con cui la materiality è trattata all’interno del report. I risultati dell’analisi evidenziano come non via sia alcuna relazione tra il modo con cui la materiality è considerata e la struttura di corporate governance di un’organizzazione, d’altro canto si osserva però come tale principio sia influenzato dal settore in cui l’azienda opera. Infine si è analizzato come la materiality viene trattata nei report che meglio hanno considerato tale principio. Tale tipo di analisi permette di evidenziare quali sono le best practice attualmente esistenti per la considerazione della materiality nel report integrato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il mondo del reporting aziendale sta cambiando. Il financial reporting che fino poco tempo fa era l’unica forma di comunicazione attuata da un’azienda non riesce più a soddisfare i fabbisogni informativi né degli investitori, né degli stakeholder. Infatti, nel contesto attuale, solo una residua parte del valore di un’azienda può trovare rappresentazione nei physical o financial assets, mentre il resto del valore è intangibile e, spesso, trova la sua adeguata rappresentazione attraverso informazioni di tipo non economico-finanziario. Di conseguenza, anche il corporate reporting si è dovuto adattare a questi cambiamenti e si è così reso necessario ampliare lo spettro di informazioni comunicate. Questo ha portato a rendicontare non solamente sulle performance financial, ma, si è assistiti anche ad un’importante richiesta di informazioni non-financial. Ciò, in un primo momento, ha prodotto il proliferarsi di differenti report di sostenibilità, con i quali un’organizzazione comunica i risultati ottenuti e le attività svolte con riferimento all’ambito della sostenibilità. Tali report appaiono, tuttavia, essere disconnessi alle performance finanziarie e, spesso, hanno il difetto di risultare eccessivamente lunghi e complessi. Ecco, quindi, che si avverte l’esigenza di redigere un report integrato, con il quale comunicare, in un unico prospetto, sia le informazioni financial sia quelle ESG. Tale forma di rendicontazione è globalmente considerata come l’ultima evoluzione del corporate reporting. Inoltre, tale strumento permette di capire l’influenza che le performance non-financial esercitano su quelle financial e viceversa. Inoltre, si consente di concepire come il valore generato o distrutto da un’organizzazione non si risolva solamente in valore economico, ma questo deve riferirsi a tutta una serie di capitali che l’organizzazione utilizza ed influenza (manifatturiero, financial, sociale, umano e naturale). Ecco quindi che diviene necessario riportare tutte le informazioni, finanziarie e no, che influenzano la capacità attuale e prospettiva di un’organizzazione di creare valore. Con il ricorso all’Integrated reporting, un’organizzazione riesce a comunicare, in modo chiaro, le risorse e le relazioni che utilizza per creare valore nel breve, medio e lungo termine, aiutando così gli stessi investitori ad allocare le risorse in maniera maggiormente efficiente. Si sottolinea però come il passaggio a questa tipologia di report non sia semplice, e non consista solamente nell’integrare il report di sostenibilità con il financial statement. VIII

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gri
aa1000
sustainability report
materiality
integrated report

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi