Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il distretto vulcanico del Lago di Vico. Tutela ambientale e patrimonio storico

Sul progetto di tutela e la fruizione turistica della Riserva Naturale del Lago di Vico, lo stato di restauro e conservazione e la fruizione turistica del Palazzo Farnese di Caprarola e le risorse economico-agricolo-pastorali del territorio.
Il mio lavoro di ricerca geografico-storica voleva quindi indirizzarsi verso uno dei piccoli tesori nascosti di questa regione. Essendo affascinata dal binomio paesaggistico borgo storico/riserva naturale lacustre, la scelta è caduta prima sul Viterbese in generale, quindi l'Alto Lazio o la Tuscia storica, a seconda di come lo si vuole chiamare, che offriva spunti molto interessanti fra i laghi, le necropoli etrusche e i castelli delle grandi famiglie baronali romane, e poi, per logica concentrica, a restringere il quadro per una tesi di laurea di base, sul lago di Vico e i suoi interessanti dintorni.
Questo lago si differenzia dagli altri nelle immediate vicinanze - Bracciano, Bolsena, o allargando il cerchio anche il Trasimeno - oltre che per la forma a ferro di cavallo e non circolare, soprattutto per la solitudine e il silenzio; le sue coste non sono edificate, a ridosso delle acque non ci sono paesi, non esiste un lungo lago pavimentato, asfaltato o, per intendersi, "urbano". Solo sul versante meridionale, presso Ronciglione, c'è la zona residenziale di ville di Poggio Cavaliere, e qua e là nelle immediate vicinanze del lago, ma non direttamente sulle sponde, ci sono degli agriturismo e dei residences, ma tutto sembra come "inghiottito" o assorbito dal silenzio e dalla natura, e se il paesaggio non è proprio intatto, è comunque considerevolmente meno deturpato di altri.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - INTRODUZIONE Il Lazio non è solo Roma. Il Lazio è una regione ricca di luoghi di grande fascino e di grande interesse storico, archeologico, artistico, naturalistico e paesaggistico. Vi si trovano infatti innumerevoli rocche, castelli, borghi, ville storiche, aree protette fluviali e lacustri; piccoli grandi paradisi. Mentre, ad esempio, le vicine regioni Umbria e Toscana godono di una forte identità turistica regionale, anche (o forse soprattutto) a livello internazionale, il Lazio si potrebbe dire che vive all'ombra dell'Urbe, tanto imponente nella sua unicità e grandezza. Il mio lavoro di ricerca geografico-storica voleva quindi indirizzarsi verso uno dei piccoli tesori nascosti di questa regione. Essendo affascinata dal binomio paesaggistico borgo storico/riserva naturale lacustre, la scelta è caduta prima sul Viterbese in generale, quindi l'Alto Lazio o la Tuscia storica, a seconda di come lo si vuole chiamare, che offriva spunti molto interessanti fra i laghi, le necropoli etrusche e i castelli delle grandi famiglie baronali romane, e poi, per logica concentrica, a restringere il quadro per una tesi di laurea di base, sul lago di Vico e i suoi interessanti dintorni. Questo lago si differenzia dagli altri nelle immediate vicinanze - Bracciano, Bolsena, o allargando il cerchio anche il Trasimeno - oltre che per la forma a ferro di cavallo e non circolare, soprattutto per la solitudine e il silenzio; le sue coste non sono edificate, a ridosso delle acque non ci sono paesi, non esiste un lungo lago pavimentato, asfaltato o, per intendersi, "urbano". Solo sul versante meridionale, presso Ronciglione, c'è la zona residenziale di ville di Poggio Cavaliere, e qua e là nelle immediate vicinanze del lago, ma non direttamente sulle sponde, ci sono degli agriturismo e dei residences, ma tutto sembra come "inghiottito" o assorbito dal silenzio e dalla natura, e se il paesaggio non è proprio intatto, è comunque considerevolmente meno deturpato di altri.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Verticchio Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 423 click dal 29/11/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.