Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I consumi alimentari: atteggiamenti e comportamenti in una prospettiva psicologico-sociale

Il lavoro svolto nella presente tesi ha lo scopo di mettere in luce cosa si intenda per mercato equo e solidale, l’importanza dei comportamenti ambientali e quali siano i processi mentali che consentano di attuare atteggiamenti rispettosi verso queste tematiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il lavoro svolto nella presente tesi ha lo scopo di mettere in luce cosa si intenda per mercato equo e solidale, l’importanza dei comportamenti ambientali e quali siano i processi mentali che consentano di attuare atteggiamenti rispettosi verso queste tematiche. Nel primo capitolo vengono trattate le leggi e le certificazioni che tutelano la produzione alimentare e manifatturiera. Partendo dalla Carta Italiana del commercio equo e solidale, con la citazione degli articoli principali, vengono messi in evidenza i tipi di etichette, che tutelano e garantiscono la qualità del prodotto e della sua lavorazione, l’ecolabel e le associazioni mondiali operanti nel settore. Nel comparto alimentare le etichette garantiscano l’origine, la zona e il processo tradizionale nella lavorazione del prodotto. Nel secondo capitolo viene dato spazio ai comportamenti che l’essere umano ha verso l’utilizzo di prodotti alimentari biologici. Questo viene spiegato mediante modelli classici della psicologia, operando una distinzione tra modelli di stampo positivistico, con la trattazione del modello motivazionale di Maslow, e modelli di stampo interpretativo, con la trattazione dei modelli EBK e del consumatore verde di Bignè Alcañiz. Nel terzo ed ultimo capitolo, si trattano gli atteggiamenti sociali che l’uomo applica verso il consumo di cibo, dando chiaramente importanza al mangiare biologico, sano e corretto da un punto di vista nutrizionale. Nella prima parte di questo capitolo, secondo la teoria del condizionamento classico di Pavlov, si esaminano i processi governati dall’istinto che spingono l’uomo a cercare cibo. Nella seconda parte viene identificato un processo mentale, la dissonanza cognitiva, che spinge l’uomo ad operare scelte di compromesso, con la possibilità di giustificare comportamenti oggettivamente scorretti. Nella terza parte si manifestano le strategie messe in atto dalla nostra mente per resistere ai cambi di atteggiamento, secondo la teoria di McGuire e quella della reattanza di Brehm. Nella quarta e ultima parte vengono spiegati i metodi messi in atto dal marketing che invitano a comprare determinati prodotti, la cosiddetta pubblicità subliminale.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Giovanni Marci Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2159 click dal 10/12/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.