Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologia LCA applicata alla gestione del rifiuto secco residuo conferito all’impianto d’incenerimento di Tossilo a Macomer

In questo lavoro di tesi, la metodologia LCA è stata applicata alla valutazione dell’impatto ambientale in termini di Salute Umana (HH), Qualità degli Ecosistemi (EQ) e Risorse (R), determinato dalle attività di trasporto e trattamento (selezione, incenerimento, biostabilizzazione e messa a discarica) del RSR conferito all’impianto di Tossilo, a Macomer, dai centri urbani delle province di Nuoro, Oristano e dell’Ogliastra.
Da un’analisi approfondita della letteratura tecnica ad oggi prodotta, è emerso come gli studi inerenti tale materia si siano concentrati principalmente sulla fase di riciclo e smaltimento dei rifiuti senza analizzare in modo approfondito la fase del trasporto giacché non hanno considerato gli impatti potenziali generati dal complesso sistema di gestione dei rifiuti.
Nel caso di studio preso in esame, invece, all’interno della gestione del RSR sono state individuate come fasi principali di interesse, quella relativa al trasporto del rifiuto da ogni centro urbano o comune capofila all’impianto di incenerimento, ubicato nella zona industriale di Tossilo, e quella inerente il trattamento del RSR nell'’impianto di incenerimento stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA La valutazione qualitativa e quantitativa degli impatti prodotti sull’ambiente da una qualsiasi attività umana costituisce oggi un settore di ricerca estremamente importante, se lo si inquadra in un contesto in cui si assiste ad una crescita di attenzione e considerazione verso le problematiche ambientali, connesse alle scelte da effettuare nel settore produttivo e di gestione. Se, a tale condizione, associamo poi la possibilità di applicare la valutazione appena descritta ad un aspetto della vita della collettività così importante, quale quello della gestione dei rifiuti prodotti, risulta ancor più evidente l’interesse che tale problematica riveste in campo nazionale ed internazionale. Negli ultimi anni si è progressivamente diffuso l'utilizzo della Metodologia LCA (Life Cycle Assessment) per la valutazione ambientale di piani e programmi e, in particolare, dei piani di gestione dei rifiuti. In questo lavoro di tesi la LCA è stata applicata alla valutazione dell’impatto ambientale determinato dai sistemi di trasporto e trattamento/smaltimento della frazione secca residua conferita all’impianto di Tossilo, a Macomer, dai centri urbani delle province di Nuoro, Oristano e dell’Ogliastra. L'impatto è stato valutato mediante l'indicatore aggregato EcoIndicator99, comunemente adottato nell'ambito della gestione dei rifiuti. L'analisi ha evidenziato come la fase di trasporto dei rifiuti, considerata trascurabile in studi analoghi condotti in altre località italiane ed europee, sia responsabile di impatti quantitativamente confrontabili con quelli relativi alle fasi di riciclo e smaltimento dei rifiuti stessi. L'impiego di dati primari (ottenuti cioè mediante rilevamenti diretti sul territorio) nella fase di inventario non risulta avere effetti significativi sulla valutazione dell'impatto complessivo del piano, ma risulta cruciale per una corretta valutazione dei singoli sottoprocessi e, di conseguenza, nell'ottica di utilizzo dell'LCA come strumento di supporto alle decisioni in ambito pianificatorio.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandra De Carolis Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 507 click dal 10/12/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.