Skip to content

Il grooming: conoscerlo per prevenirlo

Informazioni tesi

  Autore: Mario Di Lorenzo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'Economia
  Relatore: Pasquale Peluso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

Nel primo capitolo della presente ricerca sono state illustrate le principali risposte giuridiche date a livello internazionale, comunitario e locale contro la nuova sfida del child-grooming.
Nel capitolo successivo, premessi brevi cenni sul rapporto tra minori e social network, sono state analizzate le minacce rappresentate dai nuovi media. La trattazione è stata poi approfondita sul problema della pedopornografia in rete, sugli interventi preventivi a tutela del minore, nonché sul ruolo della famiglia, della scuola e delle altre istituzioni.
Nel terzo capitolo è stato tracciato il profilo criminologico del cyber-predatore con riferimenti di criminogenesi e di criminodinamica anche con l’ausilio di tabelle grafiche.
Nell’ultima parte di tesi studieremo la psicologia della vittima di grooming e le conseguenze sulla sua personalità.
Alla luce dei risultati raggiunti, in conclusione, sono state avanzate alcune proposte politiche di contrasto e di prevenzione del grooming ritenute più idonee.
Per rendere l’indagine più concreta, il lavoro è stato integrato con:
• la citazione di un caso recente di cronaca;
• l’intervista personale di un Sostituto Procuratore presso il Tribunale;
• l’intervista personale di una Psicologa e Consulente Tecnico di Tribunale;
• dati statistici attuali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Un mix di curiosità e imprudenza può spingere bambini e adolescenti ad avventurarsi su Internet senza la giusta consapevolezza, oppure ad utilizzare con ingenuità il cellulare, entrando così in contatto con interlocutori sconosciuti. Tra opportunità e rischi, oggi i siti come Facebook o MySpace fanno parte della vita dei minori di tutto il mondo. In particolar modo gli adolescenti utilizzano questi servizi come spazi per la loro vita sociale 1 . Non sono solo le ricerche di sociologia a dirlo, ma anche le sempre più frequenti analisi statistiche 2 . Spesso però, dietro nickname e falsi profili sui social network 3 si celano malintenzionati o, ancor peggio, pedofili. Tutelare i minori, quale pubblico dei servizi in rete è certamente una delle priorità della politica e del diritto in questi anni. Una priorità che, tuttavia, si è spesso scontrata con la necessità di adattare i testi legislativi alla natura dinamica, aperta e sostanzialmente inedita di queste nuove tecnologie. Nel presente lavoro verranno illustrate le principali risposte giuridiche date a livello internazionale, comunitario e locale contro la 1 D. BENNATO, I social network come metafore di spazi sociali, 2009, pag. 51 e ss. Il testo è disponibile sul sito http://it.scribd.com/doc/19427938/Davide-Bennato-I-Social-Network- come-metafore-di-spazi-sociali Vedi anche: L. IANNELLI, I primi studi sui Social Network Sites come tracce del presente, in www.fondazionetelecomitalia.it 2 Un’analisi DOXA condotta per conto di Save the Children, rilevò che il 73% dei ragazzi al di sotto di 17 anni aveva visitato almeno una volta community, instant messaging e social network; di questi, mentre il 23% aveva allacciato solo relazioni on-line, il 14% si era spinto anche all’incontro personale (per un approfondimento dei dati, v. DOXA, L’uso di Community, Instant Messaging e Social Network, in www.sicurinrete.it). Tali percentuali sono ancor più alte dopo il boom di smartphone, Apple, iPhone, iPad e Tablet. Fonte: www.savethechildren.it 3 Social Network Sites (SNS).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

grooming, adescamento online on line in rete
pedofilia on line online in rete in internet

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi